In questo articolo si parla di:
10 Marzo 2017

I produttori di eBike tedeschi chiedono a gran voce delle misure per regolamentare il tuning sulle eBike.

L’industria di settore lancia un allarme sulla manipolazione dei motori e chiede che si prendano in fretta dei provvedimenti.

AG Fahrradwirtschaft (AGF) è una piattaforma composta da varie associazioni e organizzazioni del settore della bicicletta che si scambiano informazioni su argomenti attuali in riunioni periodiche. Gli obiettivi del AGF sono il trattamento di temi comuni al fine di trovare strategie e soluzioni. I membri di AGF sono: l’associazione tedesca dell’industria ZIV; l’associazione per i rivenditori di veicoli a due ruote VDZ; l’associazione servizio biciclette VSF; BICO e l’associazione federale della meccanica per le due ruote BIV.

La dichiarazione dei membri di AGR è stata:”Ci opponiamo fermamente a qualsiasi tipo di manipolazione sulle eBike e sui suoi sistemi di azionamento. Queste sofisticazioni sono utilizzate dal settore della bicicletta tedesca e internazionale per aumentare la potenza  e/o la velocità massima del mezzo di trasporto. Come AGF Facciamo notare espressamente che le manipolazioni possono avere gravi conseguenze negative sia a livello tecnico che di responsabilità”.

Le misure di AGF

L’AGF riassume così le misure adottate dai suoi membri per prevenire il problema del tuning sulle eBike:

  • Il settore eBike, organizzata nel ZIV, garantisce che tutti i requisiti di sicurezza incluse nella norma EN 15194/2017 sono soddisfatte.
  • L’industria sta continuamente lavorando sul miglioramento dei sistemi di trasmissione in modo da rendere sempre più difficile la manipolazione dei motori.
  • In tutte le pubblicazioni di settore e commerciali su questo argomento, i players si esprimono contro il tuning delle eBike e ne sottolineano le conseguenze giuridiche.
  • Le misure adottate di volta in volta mirano ad aumentare la consapevolezza dei rischi e dei pericoli della manipolazione tra tutte le parti interessate. Questo vale per i rivenditori come per gli utenti finali.
  • L’AGF incoraggia attivamente tutti nella catena di distribuzione delle eBike ad informare sulle conseguenze legali della manipolazione.
  • Nello svolgimento di corsi di formazione e nelle pubblicazioni, i membri AGF informeranno circa le conseguenze della violazione del Codice di condotta.
  • L’AGF fornirà regolarmente informazioni su questo argomento in occasione di eventi congiunti con altre associazioni del settore della bicicletta / eBike.
  • L’AGF fornirà ai rivenditori e agli utenti finali informazioni sulla licenza obbligatoria per le eBike con velocità di 45 km/h e per l’identificazione di questi veicoli.
  • AGF organizzerà eventi per l’industria, le associazioni di concessionari, le organizzazioni dei consumatori, la polizia, gli istituti di ricerca, gli esperti, gli istituti di prova e i media specializzati che informano sui rischi di messa a punto delle eBike.

www.ziv-zweirad.de