In questo articolo si parla di:

Come si evolverà la demografia dei clienti delle eBike nel prossimo futuro? Proviamo a dare una risposta a questo quesito ascoltando quelle che sono le parole di veri e propri esperti in materia.

L’ eBike è per tutti coloro che siano in grado, o abbiano voglia di guidare una bicicletta

C’era, e forse c’è ancora per alcuni, un tempo in cui la bici a pedalata assistita era vista unicamente come un mezzo per anziani, per sfaticati, per non sportivi o per chi voleva in qualche modo “imbrogliare”.

L’aumento delle prestazioni, l’innovazione del design e della dinamica, il lavoro fatto sull’integrazione, la loro diffusione e di conseguenza l’abitudine a vederle per le strade, stanno facendo si che l’eBike stia penetrando numerosi altri mercati e fasce della popolazione.

La moderna fabbrica di FIVE fiore all’occhiello dell’industria italiana delle eBike

La parola agli esperti

Io per primo ero scettico a riguardo, poi ne ho provate tante in tutte le situazioni. Ci ho fatto sport, anche in situazioni al limite, ci ho girato per la città e ora mi trovo a difendere a spada tratta le “motorizzate” enunciandone i pregi, pur consapevole di alcuni suoi difetti.

Come me anche anche altri sportivi più o meno giovani stanno cominciando a capire l’anima delle eBike e le sue infinite possibilità. Vediamo che ne pensano dunque, su chi saranno i clienti futuri delle eBike, esperti internazionali del campo.

Ray Verhelst – Director at Electric Bike Association:

“Come unica organizzazione nazionale negli Stati Uniti che si concentra dal segmento consumer al segmento retail, sappiamo la vera demografia dell’attuale base clienti statunitense che noleggia eBike.

Il consumatore tipo viene dalla categoria dei cosidetti baby-boomer. I nostri principali gruppi di età sono 45-54, 55-64 e 65+. Mentre nell’ UE tende ad essere ancora più la dominante maschile (circa il 90%), negli Stati Uniti i nostri report mostrano un rapporto tra uomini e donne di 70%/30%.

Abbiamo studi approfonditi che prendono in considerazione più di 15.000 consumatori, visitatori di  esposizioni di eBike sparse per tutto il paese (dati U.S.A.). Sappiamo anche che la maggioranza degli appassionati e potenziali clienti vive entro cinque miglia dal loro posto di lavoro, quindi il potenziale per una larga utenza “commuter” è reale e va spinta e approfondita.

È interessante notare che, in media, il 51% dei partecipanti ad ogni evento o expo è venuto a testare le eBike e magari lo ha fatto per la prima volta.”

Edward Benjamin – Founder and Chairman of the Light Electric Vehicle Association (LEVA)

“La demografia varia in base al mercato. La mia lettura della situazione più futuribile è abbastanza semplice: mi aspetto che quasi tutti coloro che siano in grado, o abbiano voglia di guidare una bicicletta possano un giorno diventare acquirenti di una eBike. Questo va dai bambini agli anziani, dai ricchi ai poveri, e include molti che non sono abbastanza forti, o forse hanno problemi di salute che sarebbero limitati dall’utilizzo di una bicicletta tradizionale.”

Clive Gosling – Marketing Manager at Cycling Sports Group 

“Il posizionamento delle eBike è stato fuorviante fin da subito. Sono state proposte come la soluzione per un cliente che non vuole sforzarsi a guidare una bici tradizionale. Dopo aver indagato, provato e discusso il fenomeno della eMtb negli ultimi sei mesi, ho capito che in realtà l’eBike andrebbe proposta ad un pubblico molto più ampio. Questi mezzi sono per coloro che vogliono avere più possibilità di riding, più distanza percorsa e più velocità, il tutto per un tempo maggiore e che non vogliono pagare dazio per le salite con pendenze estreme e nei punti più tecnici.”

“Ho scoperto che la mia Cannondale Moterra LT effettivamente scende veloce come una mtb tradizionale, offrendo così una migliore esperienza in termini assoluti. Il problema del peso è relativo. Recentemente i piloti delle gare di downhill di Coppa del Mondo hanno appesantito le loro biciclette per farle scendere più velocemente. In alcuni casi il motore non è un limite quindi.”

Niko Lindner – Product Manager Cube Bikes

“In passato le eBike sono state considerate guidate da soli clienti anziani, ma questo sta rapidamente cambiando. Il mercato dalla prospettiva di Cube è ora chiunque voglia divertirsi ed equilibrare l’età, il livello di forma fisica o lo scopo durante la pratica del ciclismo in generale. Per soddisfare tutte queste esigenze è stato necessario creare così tante diverse categorie di bici di eBike che nessuno avrebbe potuto immaginare tempo addietro. Ad esempio, sei anni fa avevamo  solo due modelli diversi, ora ne offriamo più di 100 e siamo ancora considerati all’inizio dello sviluppo di questo settore.”

Fonte: cyclingindustry.news