In questo articolo si parla di:

Dopo Pinarello tocca a Rapha entrare nel mirino delle società di investimento. In lizza per aggiudicarsi il marchio inglese, fondato nel 2004 da Simon Mottram e ad oggi partecipato dalla company Active Private Equity, ci sono due società.

La prima pare essere Investindustrial, società fondata nel 1990 da Andrea C. Bonomi. Investindustrial agisce su innumerevoli campi d’azione, che vanno dal consumer, al retail al benessere. Nono solo, ha investimenti anche nel campo del manifatturiero e dei servizi.

SkyNews cita anche altri partecipanti in lizza per il controllo del marchio inglese dell’abbigliamento da ciclismo di alta gamma Rapha: il gruppo di investimento Invus, che ad oggi viene dato come il favorito.

Rapha: un marchio solido e in espansione

Il marchio inglese Rapha non ha una lunga vita, ma fin da subito è entrato nell’olimpo dei brand produttori di abbigliamento da ciclismo high end. Grazie a un marketing mirato e a scelte commerciali azzeccate che hanno puntato tutto sull’esclusività del marchio, in pochi anni è giunto a far parte dell’ elite dei brand del ciclismo, va da se che molti ci abbiano messo gli occhi addosso!

Rapha ha chiuso lo scorso anno con un fatturato in crescita del 30%, attestandosi sui 63 milioni di sterline, per aggiudicarsi il controllo del brand ne servirebbero circa 200.

Solo negli ultimi mesi oltre a Rapha, interessati da aquisizioni e partnership anche: la start up 7mesh, ora in “collaborazione strategica” con Lululemon; Time e Felt, acquisite da Rossignol, in grande espansione; Lvmh e Pinarello.

Fonte: pambianconews.com

Confermata la grande attenzione per il ciclismo

Queste attenzioni da parte dei fondi di investimento, soprattutto da parte di quelli che si occupano di lusso e leisure, confermano l’interesse intorno al mondo del cycling in generale. Forse non si tratta di un ragionamento che ruota intorno solo alla redittività dei brand, sembra il settore sia importante anche per migliorare l’immagine pubblica di una società o di un fondo di investimento. La bici è improvvisamente diventata “cool” e permette di darsi un aria “green” che non guasta mai per accrescere il proprio status (e il valore delle proprie azioni).

rapha.cc