In questo articolo si parla di:
4 Dicembre 2017

Abbiamo intervistato due atlete e campionesse del mondo del team professionistico Boels Dolmans che dal 2017 vestono Santini. Ecco le loro risposte di Amalie Dideriksen e Chantal Blaak su abbigliamento, femminilità e ciclismo.

Amalie Dideriksen

Team Boels-Dolmans 2017 – Calpe – Women – Amalie Dideriksen (Denmark / Boels Dolmans Cycling Team) – photo Davy Rietbergen/CV/BettiniPhoto©2016

Da un anno indossi Il kit del maglificio Santini. Come ti sei trovata?

Sono molto contenta dell’abbigliamento che indosso. Mi alleno tutti i giorni, per cui il kit è molto importante. Mi piace in particolare l’antipioggia: è leggermente più spesso dell’antivento, ma in Danimarca piove spesso e c’è anche molto vento ed è il capo perfetto per allenarsi in condizioni meteo simili.

Quali sono le caratteristiche che devono avere dei prodotti tecnici?

Allenandosi ogni giorno la qualità dell’abbigliamento è importante perché ci si scalda e si suda molto. Nel mio abbigliamento devo sentirmi comoda in allenamento e in gara.

Ciclismo e femminilità: un connubio possibile?

Certo. La maglia Santini è disegnata secondo le forme del corpo femminile e mi piace molto. Anche se essendo cresciuta con il ciclismo per me è naturale sentirmi femminile pur indossando il mio kit da ciclismo.

Qual è il sacrificio maggiore (se esiste) che ti richiede questo sport?

Devo viaggiare molto in tutto il mondo e, nonostante mi piaccia, spesso sono lontana dalla mia famiglia e dagli amici che vorrei vedere di più.

Un consiglio da professionista alle ragazze e donne che si avvicinano alla bici per tenersi in forma.

Ponetevi un obiettivo, piccolo o grande che sia e tenete traccia dei vostri progressi. Io mi sento molto motivata proprio nel raggiungere i piccoli obiettivi personali che poi mi portano verso quelli più grandi.

Il traguardo più importante a livello personale e come squadra?

Vincere il World Championship nel 2016 è stato il sogno più grande realizzato sia come individuo sia come atleta. Come squadra, invece, mi sento bene quando so di aver svolto il mio compito, quando una compagna vince o l’aiuto per difendere la maglia di leader.

Cosa hai provato indossando la maglia di campionessa del mondo?

È stata una sensazione stupenda. Mi sono divertita indossandola in allenamento e in gara. È stato un sogno che si è realizzato e un giorno spero di pedalare ancora indossando quella maglia.

Una squadra di sole donne: amiche o rivali?

Le mie compagne di squadra sono mie amiche. Con alcune compagne del team Boels-Dolmans corro da tre anni e mi hanno aiutato a crescere, passando da junior a elite.

 

Chantal Blaak

Chantal Blaak veste la divisa ufficiale 2017 del team Team Boels -Dolmans realizzata da Santini Cycling Wear

Da un anno indossi i prodotti del maglificio Santini. Come ti sei trovata?

L’abbigliamento Santini per il 2017 è stato un grande passo in avanti per me. Mi piace molto anche lo stile. Il mio capo preferito sono i pantaloni lunghi neri, che preferisco indossare al posto dei gambali. Mi piace molto anche la maglia da competizione, nella quale mi sento molto comoda perché è avvolgente senza stringere troppo.

Quali sono le caratteristiche che devono avere dei prodotti tecnici?

La caratteristica migliore, sia dal punto di vista atletico sia femminile, è la vestibilità perfetta. Ciò significa che l’abbigliamento non deve essere troppo grande e deve avvolgere il corpo. Un design studiato sull’anatomia femminile aiuta molto.

Ciclismo e femminilità: un connubio possibile?

Credo che l’abbigliamento influenzi molto il sentirsi femminili anche mentre si pedala, ma come la maggior parte delle donne io cerco di enfatizzare la mia femminilità prendendomi cura dei miei capelli, delle unghie e del make-up anche quando sono in sella.

Qual è il sacrificio maggiore (se esiste) che ti richiede questo sport?

Si potrebbe pensare che il ciclismo sia sacrificio, ma onestamente devo dire che mi piace lavorare sodo e allenamenti duramente.

Un consiglio da professionista alle ragazze e donne che si avvicinano alla bici per tenersi in forma.

La cosa più importante è divertirsi pedalando. Se ti diverti è più facile allenarsi e se pedali la forma fisica arriva automaticamente.

Il traguardo più importante a livello personale e come squadra?

Come squadra la vittoria del World Championships TTT in Qatar. Come individuo i campionati mondiali a Bergen

Una squadra di sole donne: amiche o rivali?

Amiche, amiche per sempre!

Cosa hai provato indossando la maglia di campionessa del mondo?

Mi sono sentita molto speciale e mi sembrava irreale in allenamento: non potevo aspettare di mostrare la maglia in gara!

Ulteriori informazioni su questo team tutto al femminile e sulle caratteristiche dei capi Santini Cycling Wear sul nuovo numero di Bike4Trade già online sul nostro sito. 

santinisms.it

Photo credits: George Deswijzen