In questo articolo si parla di:
17 Gennaio 2020

Il Banff Mountain Film Festival World Tour, la rassegna cinematografica internazionale di medio e cortometraggi dedicati al mondo della montagna e degli sport outdoor che presenta le 10 migliori pellicole selezionate tra i film finalisti all’omonima manifestazione canadese, è pronto a tornare in Italia. L’8^ edizione nostrana (in Italia il Banff è presente dal 2013 e in sette anni ha fatto registrare oltre 66.000 presenze) inizierà il lungo viaggio attraverso lo stivale il 10 febbraio 2020 con la première in programma al Teatro Nazionale di Milano.

Il pubblico che prenderà parte alle serate avrà modo di rivivere il viaggio di 375 km in solitaria lungo le rapide dei fiumi dell’Himalaya di Nouria Newman (The Ladakh Project); vedere il biker scozzese superstar Danny MacAskill nell’inconsueta veste di baby sitter (Danny Daycare); superare simbolicamente il confine tra USA e Messico grazie all’incontro tra lo slackliner americano Corbin Kunst dal lato del Texas e il messicano Jamie Maruffo (The Immaginary Line); raggiungere una delle regioni più remote dell’Antartide con lo snow kite insieme a Leo Houlding, Jean Burgun e Mark Sedon con l’obiettivo di scalare la cima della montagna più remota del pianeta (Spectre Expedition); ripercorrere le tappe che hanno portato Hilaree Nelson e Jim Morrison a completare la prima discesa integrale degli 8516 metri del Lhotse, la quarta montagna più alta del mondo (Lhotse).

Tanti anche gli ospiti previsti in sala durante l’edizione 2020 del Banff, protagonisti dello scenario internazionale degli sport outdoor. Tra questi gli ambassador “La Sportiva” Ludovico Fossali (atleta della nazionale italiana di climbing, qualificato per le Olimpiadi di Tokyo 2020), Federica Mingolla (la prima donna italiana salita in libera su Tom et Je Ris, in Verdon, 8b+), Michael Piccolruaz (atleta di punta nel boulder della nazionale italiana di climbing) e Anna Torretta (pluri-campionessa italiana di arrampicata su Ghiaccio e Vice Campionessa del Mondo nel 2006).

banff.it