In questo articolo si parla di:
23 Giugno 2020

La mobilità elettrica è ormai il futuro degli spostamenti, soprattutto nelle grandi città. Abbiamo avuto il piacere di raccogliere l’esperienza e l’opinione di Lorena Bega, motociclista di lungo corso, che ha testato per quasi due settimane un eBike Liv Thrive E+ EX Pro.

Ciao Lorena, parlaci di te e di com’è nato l’amore per le due ruote

Avevo una manciata di anni, e un mio zio arrivò sotto casa con una super moto nera fiammante. Era una delle cose più belle che avessi mai visto, ma prova a chiedermi se mi ricordo cosa fosse? zero di zero. Era nera. L’unica cosa che ricordo. Mi fece fare il giro della casa.  Forse posso attribuire a questo ricordo l’unico input alla mia passione, se proprio c’è bisogno di avere un legame a qualche esperienza pregressa per accendere un ardore. Più avanti, per necessità, mi sono avvicinata alle due ruote di piccola cilindrata e crescendo ho avuto bisogno di fare la patente A per guidare scooter di grossa cilindrata. Così ho colto l’occasione per conseguire la patente per cilindrate illimitate. Da subito sono stata coinvolta in eventi stampa e di conseguenza in campagne pubblicitarie automotive e così ho cavalcato l’onda facendo ingordigia di esperienze.

Il tema della mobilità sostenibile è sempre più caldo, qual è il tuo punto di vista?

Credo che stiamo andando assolutamente nella direzione giusta, soprattutto nelle grandi città, ce n’è un gran bisogno.

 Le moto regalano sempre grandi emozioni, sei riuscita a divertirti anche a bordo di quest’eBike?

Mi spiace ammetterlo, ma devo dirvi proprio di si!  Mi sono davvero goduta la mia settimana in eBike, tanto che da 7 giorni di sfida, sono diventati 12, di mia spontanea volontà. Senza nemmeno rendermene conto. Liv mi ha regalato davvero un’esperienza, che probabilmente di mia iniziativa, non avrei preso in considerazione. Sostituire lo scooter, che nel traffico, riduce drasticamente le tempistiche di trasferta ad una eBike, che idealmente ti fa perdere un sacco di tempo, non è stato così immediato come concetto, tanto che ho chiesto a Liv di avere la in consegna la bicicletta qualche giorno prima, per calibrare tempi e tragitti.

Punti di forza e punti deboli dell’eBike secondo te

Forza:

Senza dubbio l’assistenza che ti da nel momento di stanchezza, il fatto di poter fare un continuo movimento senza stancarti, di arrivare a destinazione non per forza stremato e nemmeno per forza affaticato e impresentabile. La sicurezza che ti da in caso di imminente pericolo (portiere, rami, buche, svolte improvvise). Il fatto di poter uscire nel minor tempo possibile da qualsiasi inconveniente, non è assolutamente un fatto da sottovalutare, me ne accorgo già nell’utilizzo delle diverse cilindrate nelle moto.

Deboli:

Il chilometraggio limitato di assistenza, in base all’uso chiaramente, ma su lunghi percorsi è scoraggiante. Il peso, che non è poco rispetto ad una bicicletta classica. Lo si sente sia con un utilizzo tradizionale, in salita e anche semplicemente sollevandola a braccia per le scale. Se parliamo di questa city bike da velocità, nello specifico, mi sarebbe piaciuto per la città che fosse stata ammortizzata per poter affrontare con più armonia i vari pavé, buche e binari del tram in continua presenza in una grossa metropoli come Milano.

liv-cycling.com

giant-bicycles.com