In questo articolo si parla di:
3 Agosto 2020

Si susseguono le manifestazioni a supporto della bici e della sua diffusione nella penisola, anche promosse da personaggi molto conosciuti, che da appassionati del pedale si prestano volentieri a fare da portavoce al nostro movimento. Questa volta è Linus, il famoso speaker radiofonico, che, come molti sanno è un grande appassionato di sport e di bici. Non si è trattato solo di una pedalata tra amici più o meno famosi, ma anche un modo per proporre il territorio e i viaggi a due ruote con l’appoggio della regione Emilia Romagna.

Da Milano a Riccione in bicicletta celebrando la Via Emilia. L’idea è di Linus, direttore editoriale del polo radiofonico del gruppo GEDI che comprende Radio Deejay, Radio m2o e Radio Capital. Chiudere per le ferie di agosto gli studi di Radio Deejay, in via Massena a Milano, per trasferirsi in bici in Romagna con una “pazza” pedalata di quasi 380 km da compiersi in due tappe. Partenza da Milano alle sei di mattina per il primo tratto fino a Piazza Grande di Modena e pernottamento in una struttura di Formigine. Poi ripartenza da Modena. Il gruppo indossa la maglietta di #inEmiliaRomagna Cycling Team, la squadra ciclistica dei giovani “web ambassador” dell’Emilia Romagna. Poi, dopo altri 170 chilometri di pedalate, il previsto arrivo in Romagna, a Riccione. Il team è composto da Linus assieme a dieci amici e colleghi della Radio, con un van al seguito per ogni necessità.

Abbiamo voluto sfidare anche il caldo per compiere questa piccola grande impresa che in futuro potrebbe ripetersi – commenta Linus –Tutto è nato dopo una cena goliardica con gli amici ciclisti del Team #BikeLikeaDeejay con i quali condivido tanti week-end in bici durante l’anno, spesso anche in Romagna. Primo obiettivo arrivare a destinazione, secondo divertirsi, anche facendo numerose tappe intermedie di ristoro sulla Via Emilia dove si incontrano bellissime città d’arte“.

A fare da guida per un lungo tratto del percorso è stato l’ex professionista modenese Silvano Riccò (terzo alla Milano-Sanremo nel 1985).