In questo articolo si parla di:
15 Settembre 2020

E’ appena trascorso il week end del primo, e probabilmente unico evento di grande respiro per il mercato bike in Italia nel 2020, forse in Europa, c’è chi dice nel mondo; ma questa sarebbe una cosa da verificare. Più che un evento una fiera, o una fiera evento, che piace per molti motivi.

In primo luogo perchè ci sono molti brand che non è facile trovare tutti insieme, raccolti in un’unico posto che sia anche bello come la riviera romagnola; secondo perchè ha in effetti una doppia faccia b2b e b2c (come spesso l’hanno avuta le più importanti fiere del settore), terzo perchè a settembre è bello sentirsi ancora in vacanza, soprattutto in quest’anno disastrato e concedersi una cena o un aperitivo sulla spiaggia dopo una giornata di lavoro (per noi) o visita (per il pubblico); quarto perchè dopo lock down, emergenza, boom, ripresa e distanziamento sociale, semplicemente se ne sentiva il bisogno. Il mondo della bici, desideroso di cavalcare il più possibile l’onda positiva del “bike boom” è effettivamente sembrato, come non mai, entusiasta di rivedersi, ripartire, confrontarsi.

Ci siamo portati a casa molte interviste e opinioni (che presenteremo sul prossimo numero di Bikefortrade) e abbiamo parlato con i protagonisti del mercato, una cosa è risultata subito chiara a tutti: per consolidare la ripresa e fare si che non sia un fuoco di paglia occorre muoversi uniti, lasciando da parte incertezze e ruggini del passato, iniziando a muoversi insieme, con un intento comune per fare si che la bici divenga stabilmente il mezzo di trasporto preferito dall’umanità.

Perche? Perchè andare in bici fa bene, è ecologico, mette di buon umore. Poi è il mezzo di trasporto più intelligente creato dall’uomo e lo merita!

IBF è pronto per il grande salto internazionale?

Secondo l’organizzazione l’evento si candida a diventare, nei prossimi anni, l’evento di riferimento in Europa per questo settore, sicuramente a livello fieristico in parte lo è già stato quest’anno (essendo in effetti praticamente l’unico). Mancano ancora alcuni tasselli al puzzle dell’evento perfetto, ad esempio un calendario di eventi agonistici di contorno, oppure uno show serale inclusivo, ma di certo la tenacia dell’organizzazione, che non si è arresa e ha scommesso forte su questa edizione, ha guadagnato punti importanti e dimostrato un certo coraggio (oltre che una certa credibilità), proponendo un evento che non ha scontentato nessuno. Gli astanti, dai semplici curiosi, agli operatori del settore sono tornati a casa soddisfatti. Se Eurobike continuerà a tentennare e non si faranno sotto altri competitor sicuramente IBF non potrà che continuare a crescere e offrire sempre più spunti anche b2c.

I numeri di IBF 2020

Il via alla kermesse è avvenuto venerdì 11, nella location di Parco Fellini, con oltre 300 brand a riempire un village di 45.000 mq che abbraccia e avvolge luoghi simbolo della città come il Grand Hotel, la Fontana dei Quattro Cavalli e il nuovissimo Parco del Mare.

Oltre 25.000 le registrazioni, rese obbligatorie dall’attuale situazione sanitaria per poter monitorare ingressi ed uscite nell’area del Festival, con una media di più di 10.000 presenze al giorno. Rigida la macchina della sicurezza messa in campo dall’organizzazione, con controllo della temperatura all’ingresso, gestione del distanziamento sociale all’interno del villaggio e personale addetto al rispetto del protocollo di sicurezza imposto dalle Istituzioni.

Di alto livello il parterre di ospiti che hanno presenziato alla manifestazione ed incontrato i propri fan: Davide Cassani, Marco Melandri, Mario Cipollini, Marco Aurelio Fontana, i fratelli Lupato, Paola Pezzo, Andrea Garibbo, Omar Di Felice, solo per citarne alcuni. Apprezzatissime dal pubblico le attività collaterali e le aree test offerte dall’evento: l’off-road Arena e-powered by Bosch eBike Systems, la Pump Track, i Bike Tour alla scoperta della Città di Rimini e la Cargo Bike Revolution, che ha radunato oltre 100 partecipanti.

Sull’onda dell’entusiasmo già si pensa al 2021

Con la chiusura della III edizione dell’evento, organizzato in collaborazione con il Comune di Rimini, APT Servizi Emilia Romagna e Visit Romagna, arriva anche la conferma per le date del prossimo anno: dal 10 al 12 settembre 2021. Inutile aggiungere che la location rimarrà il Parco Fellini di Rimini. Ma la grande novità che l’organizzazione ha deciso di annunciare con un anno di anticipo è l’apertura dell’evento, a partire dalla IV edizione, al settore del Running. Un mondo, quello del podismo, che come la bici offre all’utente un’opportunità di svago, sostenibilità e relax, e che sta giocando un ruolo fondamentale nella ripresa post lockdown e nella gestione dell’attuale emergenza sanitaria. Il Running Village andrà ad aggiungersi al Tourism Village, area del Festival che anche quest’anno ha racchiuso le principali destinazioni turistiche con focus dedicato alla vacanza attiva!

italianbikefestival.net
bikevents.com