In questo articolo si parla di:
11 Novembre 2020

Il 3 novembre scorso si sono aperte “le danze” sul sito predisposto dal Ministero dell’Ambiente per richiedere il bonus bici. Con i 215 milioni di incentivi messi a disposizione esauriti in meno di un giorno.

Il fatidico “click day” ha generato centinaia di migliaia di nuovi futuri ciclisti che, grazie agli incentivi messi a disposizione dallo stato potranno acquistare il loro nuovo mezzo, elettrico e non, a favore di una mobilità più sostenibile e più sicura in questo periodo di emergenza sanitaria.

ANCMA, associazione dei produttori di bici, ha stilato i consigli su come fare per richiedere il bonus bici 2020 sia per ottenere un “buono spesa” per l’acquisto di bici e ebike, sia per il rimborso di acquisti già fatti.

Per quanto riguarda il rimborso delle spese sostenute dal 4 maggio al 2 novembre 2020 era possibile chiedere il rimborso per il 60% della spesa sostenuta fino a un massimo di 500€.

Tuttavia, esauriti quasi subito i 215 milioni stanziati, tanti sono rimasti a mani vuote, tra questi anche chi aveva già comprato bici o monopattini con la promessa di avere il rimborso.

Il Ministero dell’Ambiente però ha stanziato nuovi fondi per il bonus mobilità e ha dato la possibilità dallo scorso 9 novembre e per un mese, a tutti i cittadini che hanno già acquistato, di chiedere il rimborso che era previsto con il bonus bici. Non si tratta di un altro click day, ma fino al 9 dicembre c’è tutto il tempo di inserire lo scontrino sullo stesso portale preso d’assalto il 3 novembre.

ANCMA pone particolare attenzione su questo punto, stilando un vademecum con tre suggerimenti essenziali.

“Farà fede la data di inserimento della richiesta e non quella del documento di acquisto: è quindi necessario prepararsi e approcciare la procedura con rigore e tempestività”.
1. Per chi non lo avesse ancora fatto, prima della richiesta bisogna ricordarsi di attivare
un’identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale)
2. Scannerizzare il documento di acquisto (fattura o scontrino) intestato a proprio nome e
creare un documento in formato pdf
3. Tenere pronte le proprie coordinate bancarie per ricevere il rimborso

ANCMA ricorda che si può usufruire del buono mobilità 2020 se:
• si è cittadini maggiorenni
• residenti (e non domiciliati) nei capoluoghi di Regione anche sotto i 50.000 abitanti
• residenti nei capoluoghi di Provincia anche sotto i 50.000 abitanti
• nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti
• nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti)

Per chi ha già acquistato la bici grazie al bonus, 24hassistance propone una polizza studiata ad hoc contro il furto del mezzo: Bikeplatinum tutela la bici dal furto anche su strada.

Inoltre è possibile scegliere il pacchetto preferito: oltre al furto totale si può aggiungere la garanzia infortunio e assicurare anche i danni alle parti elettriche della ebike.

Come funziona Bikeplatinum? Con il Fast Quote basta inserire sul sito data di nascita e CicloID per scoprire quanto costa la polizza per la bici, in automatico il sistema dell’assicurazione recupera i dati della bici e del proprietario da Ciclo Registro.

Che cos’è Ciclo Registro? Il primo registro italiano pubblico di bici, realizzato in collaborazione con case produttrici e forze dell’ordine con il patrocinio di ANCMA.

È gratuito, aggrega di tutti i registri esistenti, con l’obiettivo di fornire all’utente un Certificato Digitale di Proprietà e offrire uno strumento in più alla lotta contro il furto.

Che cos’è CicloID? È il codice univoco che identifica la bici e la sua proprietà su Ciclo Registro.

24hassistance.com/bikeplatinum