In questo articolo si parla di:
20 Gennaio 2021

“A NEW ERA HAS BEGUN”: questo il claim con cui l’azienda, uno dei leader nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di scarponi da snowboard, scarpe da mountain bike e da strada, dà il via alle celebrazioni per il suo trentesimo compleanno.

Northwave ha nel proprio dna lo sviluppo delle migliori soluzioni tecnologiche e la cura maniacale del prodotto, di conseguenza il rebranding racchiude – oltre a un nuovo logo – anche nuovi valori: valori ritrovati, innovazione, una nuova organizzazione aziendale e nuove proposte anche per i clienti.

Un nuovo modo di essere che, come dimostrano anche le parole del general manager Davide Rossetti, parte da lontano. Tre anni fa, infatti, assieme al cambio di management è coinciso il deciso inizio di cambiamento e evoluzione aziendale a tre livelli – strategico, organizzativo e operativo.

“Il processo di cambiamento è frutto del lavoro del team di management esperto e motivato che si è unito a noi nel corso degli ultimi tre anni e che condivide la visione e il processo di cambiamento evolutivo di Northwave, un brand con 30 anni di storia e una famiglia alla spalle che garantisce solidità e continuità”

Davide Rossetti – general manager Northwave

I nuovi processi organizzativi e produttivi hanno permesso di innalzare l’efficacia e l’efficienza di questi, mentre la riorganizzazione delle strategie di marketing sta permettendo di raggiungere nuovi consumatori grazie al riposizionamento del brand. Infine, nuovi modelli di business e un riassetto di tutte le politiche commerciali e distributive hanno permesso Northwave in breve tempo di accelerare e ritornare a essere uno dei leader nei mercati mondiali.

L’introduzione della nuova immagine di Northwave riflette il processo di focalizzazione verso i valori originali del brand e ha come obiettivo la comunione delle due anime dell’azienda sotto gli stessi valori: il mondo dello snowboard e il mondo della bicicletta. La “nw”, ora in stampatello minuscolo, riprende infatti quella originale dei primi scarponi da snowboard che, in una sorta di percorso immaginario, passa e si trasforma durante i diversi periodi dell’azienda, fino a “fondersi” senza soluzione di continuità con i loghi degli ultimi anni e divenendo la forma dinamica, aggressiva e allo stesso tempo elegante di quello di oggi.

“Un logo che interpreta e accompagna il presente e il futuro dell’azienda e che porta con sé i valori dello sport e della vita all’aria aperta, la voglia di superarsi giorno dopo giorno e di godere appieno di ogni singolo minuto di libertà facendo quello che più ci piace fare: Innovare e stupire”, ha concluso Davide Rossetti.