In questo articolo si parla di:
22 Gennaio 2021

In zona gialla e arancione è possibile spostarsi fuori comune per fare attività sportiva, se non è possibile praticare questa all’interno del proprio. Il chiarimento, nero su bianco, arriva direttamente dal sito del governo, grazie alla pubblicazione delle Faq relative all’ultimo Dpcm in vigore dal 17 gennaio.

È dunque stata accolta la richiesta dell’Uncem (Unione nazionale comuni comunità enti montani), che nei giorni scorsi, attraverso un comunicato, aveva dichiarato la necessità di “un chiarimento urgente e preciso, che agevoli tutti, comprese le forze dell’ordine”.

Soddisfatto delle risposte Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem: “Vanno nella direzione che avevamo richiesto e auspicato con il governo. Sono decisioni ragionevoli e consentono spostamenti, sempre con il massimo buon senso e contenimento assoluto del rischio contagio rispetto ai comportamenti individuali. Si possono fare ciaspolate e gite di scialpinismo, come passeggiate, naturalmente con regole connesse al distanziamento e alla prevenzione. Ora al lavoro sui ristori per le categorie colpite dalla crisi pandemica”.

Di seguito domande e risposte testuali direttamente dal sito del governo, suddivise per zona di appartenenza.

Zona rossa

È possibile andare in palestra/piscina o in altre strutture sportive per fare attività motoria/sportiva? 
Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP. Allo stesso modo, sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso.

Zona arancione

È possibile andare in palestra/piscina o in altre strutture sportive per fare attività motoria/sportiva? 
Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP. È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, del proprio comune o, in assenza di tali strutture, in comuni limitrofi, per svolgere esclusivamente all’aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli.

Zona gialla

È possibile andare in palestra/piscina o in altre strutture sportive per fare attività motoria/sportiva? 
Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP. È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, dell’area gialla, per svolgere esclusivamente all’aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli.