In questo articolo si parla di:

Oramai per le aziende del mondo del ciclismo, l’impegno verso le tematiche ambientali è considerato un must. Per molti aspetti non si può prescindere dall’affrontare questi temi, ne guadagna oltre che l’ambiente anche l’immagine dell’azienda e il business.

L’attenzione all’ambiente infatti, è una tematica sempre più importante per i consumatori e sono numerose le aziende che stanno adottando strategie, tecnologie e prodotti eco-friendly. Il mondo degli amanti della bici, mezzo per definizione amico dell’ambiente, è in particolare sempre più interessato alle problematiche della salvaguardia dell’ecosistema. Santini, azienda di abbigliamento per il ciclismo, da sempre sostenitrice del KM Zero, dal 2020 ha introdotto alcuni capi realizzati con filati riciclati e da quest’anno il packaging compostabile di TIPA. E da gennaio 2021 anche la maglia del Campione del Mondo è sostenibile.

Si può dire che lo sportivo sia una persona attenta al tema della sostenibilità ambientale, e tra tutti i praticanti il ciclista lo è in particolar modo proprio perché vive ‘open air’ la propria passione per la bicicletta. E, declinata anche in città, la bicicletta urbana è la manifestazione di una scelta consapevole come alternativa all’utilizzo dell’automobile, permettendo in questo modo un impatto quasi nullo sull’ecosistema. Tra le numerose aziende italiane del comparto ciclistico, Santini Cycling Wear ha da tempo avviato un programma concreto per ridurre il proprio impatto sull’ambiente. L’azienda di Lallio in provincia di Bergamo da oltre mezzo secolo produce abbigliamento da ciclismo e da anni lavora a stretto contatto con diverse aziende produttrici di tessuti tecnici della bergamasca, quindi a “km zero”. Inoltre, la riconversione della produzione di mascherine per l’emergenza Covid dello scorso anno, ha visto Santini lavorare all’interno di una filiera di cinque aziende della provincia di Bergamo. Tuttavia, il “km zero” non è l’unica scelta amica dell’ambiente adottata dall’azienda, poiché dal 2020 Santini utilizza tessuti prodotti con filati riciclati e derivanti dal recupero di materiali di scarto.

Questa scelta è stata inizialmente adottata per confezionare le maglie dei team Trek Segafredo, la formazione maschile e femminile di ciclismo su strada del circuito World Tour; e con lo stesso spirito anche le versioni “replica” per il pubblico sono state confezionate con tessuti provenienti da un processo di riciclo. Visto il successo di queste esperienze, l’utilizzo di tessuti eco-friendly è stato esteso quest’anno anche a due maglie della collezione cycling, la Eco Sleek Dinamo e la Eco Raggio, e alla jersey ufficiale della Granfondo Stelvio Santini che sarà confezionata con due tessuti Polartec ottenuti dalla riconversione delle bottiglie in PET: Polartec Power Dry recycled e Polartec Delta recycled. I tessuti derivanti da filati riciclati vengono inoltre usati anche per confezionare la maglia iridata: tutti i vincitori di un titolo mondiale assegnato dalla UCI, saliranno sul gradino più alto del podio vestiti con una jersey amica dell’ambiente.

Anche i packaging santini sono eco-friendly

Ultimo, ma non certo per importanza, è la scelta che Santini ha adottato sul fronte del confezionamento dei propri capi: da gennaio 2021 infatti, l’azienda si è affidata a TIPA, realtà internazionale che produce packaging compostabili, per il confezionamento di maglie, pantaloncini e di tutta la produzione, al fine di sostituire i sacchetti di plastica con una soluzione ecocompatibile. 

Si tratta di confezioni del tutto simili alla plastica, ma interamente degradabili grazie a una miscela di polimeri compostabili: un’alternativa sostenibile e alternativa ai tradizionali materiali di confezionamento, in grado di biodegradarsi completamente. Se gettati nel sacchetto per la raccolta dell’umido, infatti, si disintegrano entro sei mesi e si biodegradano completamente in un anno (per maggiori informazioni: tipa-corp.com). Considerando che Santini produce circa 1.200.000 capi all’anno, possiamo immaginare la quantità di plastica risparmiata.

santinicycling.it