In questo articolo si parla di:

Il gruppo Athena conquista la Russia, proseguendo il suo percorso di espansione internazionale intrapreso già da tempo. L’allargamento della rete logistica permetterà dunque all’azienda di incrementare la propria leadership al di fuori dei confini nazionali.

San Pietroburgo ospiterà un ufficio commerciale così da avere una base operativa in Russia e poter consentire la crescita della propria competitività anche nei paesi EAC (aderenti all’Unione doganale eurasiatica).

Il gruppo Athena

Il gruppo vicentino vede la luce nel 1973 come piccola realtà locale, diventando presto un marchio di riferimento nel settore delle guarnizioni industriali e dei ricambi aftermarket per veicoli a due e quattro ruote. Il tempo e i successi lo porteranno poi ad  ampliare la distribuzione di importanti brand appartenenti al mondo moto, tech, sport e outdoor.

Sono quattro le divisioni principali che attualmente compongono il gruppo Athena, tutte sezioni diverse tra loro ma accomunate dall’alta qualità dei prodotti offerti:

  1. industries
  2. parts
  3. sportech
  4. electronics

Le prospettive in Russia

L’ufficio russo sarà inizialmente deputato alla diffusione dei ricambi Athena moto/automotive e delle guarnizioni per motori a marchio Guarnitauto.

L’arrivo dell’azienda italiana nello stato più grande del mondo delinea un percorso coerente con gli obiettivi di leadership in mercati dalle dimensioni e dal potenziale vastissimo e in territori particolarmente strategici come quello russo, sempre più proiettati all’innovazione e allo sviluppo tecnologico.

Inoltre, grazie all’apertura della nuova sede, Athena punta a una migliore gestione di alcuni processi logistici, tra cui l’evasione facilitata degli ordini in terra straniera, oltre all’abolizione delle pratiche burocratiche e doganali imposte dal Paese estero.

La possibilità di vendere direttamente utilizzando la valuta locale rende la strategia economica dei prezzi ancora più concorrenziale e rappresenta, per Athena, un altro passo importante per diventare sempre più competitiva e per guardare molto oltre la realtà italiana.

“L’apertura di una nuova sede commerciale in Russia era un passaggio obbligato per sostenere il nostro processo di internazionalizzazione e diffondere il nostro marchio nei paesi EAC”, ha commentato Gilberto Mancassola, general manager della divisione Parts di Athena. “Le richieste tecniche, le procedure doganali e le certificazioni di prodotto sono molto complesse. Perciò l’attivazione di questa sede a San Pietroburgo ci permette di diventare un player importante in tutta l’area EAC, potendo ridurre il time to market dei nostri prodotti, gestire le transazioni in valuta locale e dare un servizio più completo, veloce e semplificato a un mercato che sembra essere particolarmente ricettivo verso i ricambi Athena”.