In questo articolo si parla di:

Il valore delle esportazioni delle eBike da Taiwan per i primi cinque mesi del 2021 è stato di 550 milioni di dollari, raggiungendo un nuovo record per il periodo. Per il secondo anno consecutivo il valore delle esportazioni di bici elettriche supera quello dei modelli tradizionali, suggerendo che si sta attraverso una tendenza a lungo termine.

I recenti dati elaborati dal ministero delle Finanze del Paese hanno mostrato che il valore delle esportazioni di eBike è aumentato del 44,2% a gennaio-maggio 2021 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Maggio è stato il mese di maggior successo con i dati preliminari che hanno rivelato un valore delle esportazioni di 134 milioni di dollari (111,8 milioni di euro) rispetto agli 83 milioni di dollari (68,2 milioni di euro) di maggio 2020.

Le eBike si prendono la scena

Secondo i dati, poco più di 424.000 eBike hanno lasciato le coste di Taiwan nei primi cinque mesi del 2021. L’UE, con il Regno Unito compreso, è ancora in cima alla lista degli importatori, rappresentando il 67,2% delle vendite totali in uscita. Gli Stati Uniti sono arrivati secondi, con 103.252 unità, con il 24,4% delle vendite totali in uscita nei primi cinque mesi.

Le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina hanno spinto gli acquirenti stranieri di eBike a spostare i loro ordini a Taiwan. Le bici elettriche stanno emergendo come un nuovo motore di crescita nelle esportazioni di veicoli e componenti del paese. Nei primi cinque mesi del 2021 il valore complessivo delle esportazioni ha raggiunto i 5,32 miliardi di dollari (4,44 miliardi di euro), in crescita del 41,2% rispetto all’anno precedente, ha affermato il ministero.

Anche le esportazioni di biciclette tradizionali sono aumentate dal 2020 del 38% per il periodo gennaio-maggio. La crescita più lenta delle bici tradizionali rispetto alle eBike “ha riflesso un calo della domanda internazionale in quanto l’economia globale è stata colpita dalla pandemia e vi è stato un aumento del bike-sharing in tutto il mondo“, ha aggiunto il ministero.

Le esportazioni di componenti per bici sono state pari a 1,74 miliardi di dollari (1,45 miliardi di euro) per lo stesso periodo di 5 mesi, con un aumento del 65,2% rispetto all’anno precedente. L’Europa è stata il principale acquirente, con il 53,6% delle vendite totali, davanti agli Stati Uniti con il 14%. I componenti per biciclette hanno rappresentato una quota maggiore delle vendite di veicoli e componenti nel periodo, rappresentando il 32,8% delle vendite totali, rispetto al 30,7% dello scorso anno.

Fonte: bike-eu.com