In questo articolo si parla di:

Una cover tutta al femminile quella di questo mese. Non la classica foto in azione ma un’immagine suggestiva ed evocativa: una ragazza che guarda uno splendido orizzonte tra mare e montagna con a fianco la propria fidata compagna: una eBike naturalmente. Peraltro un modello innovativo e originale, firmato dall’italiana Brinke, quasi a inaugurare un nuovo segmento. Per spingere i biker verso orizzonti sempre più lontani del viaggio e del rapporto con la propria bici, che in questo caso può essere intesa anche di vera simbiosi, sette giorni alla settimana per 365 all’anno.

Uno scatto, insomma, che conferma la capacità di ricercare nuove visioni in un settore, quello delle bici elettriche, sempre in fermento e la cui spinta innovativa prosegue incessante. Non solo sul fronte del prodotto. Un’altra bella visione è quella di cui ci parla Federica Cudini, marketing manager di Bosch eBike Systems Italia. Si tratta di “bike to school”, iniziativa che ha lo scopo di portare le amministrazioni pubbliche a pedalare dove pedalano i bambini quando vanno a scuola e i loro genitori quando vanno al lavoro. Con l’obiettivo di far comprendere loro le problematiche e le dinamiche dell’uso della bici in città dalla prospettiva giusta: ossia sul campo e non solo dietro una scrivania (si veda l’articolo a pagina 8).

Iniziativa lodevole e che persegue l’alto scopo di attuare qualcosa di concreto per generare una ricaduta positiva sulle città e sul futuro della mobilità. Proprio come intende fare Emoving Days, l’attesissimo e nuovo evento dedicato alla mobilità elettrica e urbana promosso proprio dal nostro gruppo editoriale (ve lo presentiamo a pagina 10). Un appuntamento che, partendo dalla bellissima location di City Life, vuole in realtà rivolgersi a tutta Milano e diventare un punto di riferimento non solo per la Lombardia, ma a livello nazionale e perfino internazionale. Del resto, si svolgerà in un weekend strategico (4-5 settembre) in concomitanza con il Salone del Mobile che, finalmente, torna in presenza. Richiamando nel capoluogo lombardo anche un gran numero di visitatori stranieri.

Insomma: design, mobilità sostenibile e nuovi modi di intendere la città e gli spazi urbani si fondono e portano le aziende, i negozi, le associazioni e tanti altri attori che gravitano intorno a questo mondo al centro di una delle piazze più innovative, belle e frequentate di Italia. Il tutto per promuovere la mobilità urbana nel suo luogo d’elezione. Tra test, experience, esposizione, formazione e una grande attenzione alla sostenibilità, tema al quale saranno dedicati alcuni degli incontri nella speciale Emoving Arena.

Nell’epoca delle sperimentazioni potremmo dire che anche le forze dell’ordine e gli eserciti, sempre meno impegnati nelle guerre e sempre più attivi nella gestione del territorio, si “armano” di eBike: ne sono esempi virtuosi la collaborazione tra gli Alpini e Fantic e tra i Carabinieri e Five, delle quali vi parliamo a pagina 16 nell’articolo “Tutta bici e distintivo”. Del resto, vale la pena ricordare come già nel 1898 i bersaglieri iniziarono a utilizzare le bici a scopo militare, costituendo il primo battaglione ciclisti del Regio Esercito (che nel 1916 sul Tagliamento si fregiò pure di una medaglia al valor militare).

Non potevamo, infine, non approfondire a pagina 18 il successo del Giro E. Che, in concomitanza alla Corsa Rosa, porta le migliori eRoad sulle strade dei professionisti. Per promuovere un ciclismo per tutti, alla scoperta dei territori, più che delle performance. Insomma, anche dai numerosi spunti di questo numero di eBikefortade, ne abbiamo conferma: l’eBike contamina positivamente tutto ciò che tocca, ampliando sempre di più gli spazi e la mente di chi se ne avvicina e spesso poi non la molla più. Diventando sempre più, come la sua sorella senza motori, uno stile di vita in grado di condizionare in meglio la società.

Benedetto Sironi – Editoriale eBikefortrade n° 06/2021