In questo articolo si parla di:

Moto Parilla, storico marchio di motociclette in auge tra fine anni ’40 e fine anni ‘60, ha ripreso a correre sotto forma di eBike qualche anno fa quando, nel 2017, l’attuale vice-presidente di Moto Parilla Filippo Beltrami assieme al suo allora professore e un amico designer, ha deciso di mettere sul mercato un nuovo concetto di bici elettrica, che dello storico marchio riprendeva l’accattivante stile ed originalità.

Segno distintivo delle eBike, sin dal primo concept, l’altissimo grado di innovazione e design, saldamente integrato con la volontà di avvicinare quanto più possibile il mondo delle biciclette a quello delle moto. Scelte queste, che hanno spinto l’azienda a realizzare modelli molto raffinati sotto tutti gli aspetti, con materiali di prim’ordine, recuperati tramite una filiera cortissima, formata da fornitori emiliani, tutti a pochi chilometri da Reggio Emilia, head quarter di Moto Parilla.

I modelli del catalogo

Due, per ora, i modelli su cui si sviluppa il catalogo, suddiviso in una serie di varianti ulteriormente personalizzabili.

Carbon è una eBike dal design unico, stilosa ed ‘aggressiva’ che nasce dall’incontro del mondo delle bici con quello delle moto. Il modello è stato costantemente aggiornato e migliorato. L’assemblaggio avviene all’interno dell’officina, ed è fatto totalmente a mano, bici per bici, con particolare cura nei dettagli.

Trilix è la city eBike perfetta ideale per l’uso urbano, ispirata al concetto di ‘Graziella’, ma con linee che richiamano la moto grazie anche al caratteristico telaio a traliccio, dal design unico e accattivante. I suoi punti di forza sono la grande maneggevolezza, l’autonomia e la possibilità di utilizzarla in diversi contesti, cittadini o extra.

Proprio in questi mesi sono in fase di sviluppo una serie di nuovi progetti, che amplieranno il catalogo in termini di offerta di Moto Parilla, tra cui una bici con funzionalità uniche dedicata al segmento ‘off road’ ed una nuovissima Ultra Carbon, prototipo realizzato in pochissimi esemplari con un propulsore in grado di spingere il mezzo fino ai 100 km/h.