In questo articolo si parla di:

Con l’evocativo claim “Bentornata adrenalina” è partito il conto alla rovescia per Eicma 2021 (23-28 novembre presso Milano Rho-Fiera), gradito ritorno dopo un anno di assenza causa Covid. Considerato il periodo temporale e le aziende presenti, sarà interessante verificare se troveranno conferma trend e statistiche, che vedono la mobilità elettrica leggera con percentuali di crescita molto alte. Se da un lato il salone tedesco IAA Mobility Monaco (di cui abbiamo parlato lo scorso numero) fa un all in sull’elettrico, la fiera italiana sembra essere più cauta. Perchè i numeri sono positivi, ma non preminenti in un mercato che vede ancora molti estimatori dei prodotti termici. Nel 2021 sono stati venduti, infatti, oltre 7.000 tra scooter e moto elettriche in Italia. Non grandi numeri, ma comunque in crescita del +23% rispetto al 2020. Per questo gli occhi sono puntati sul ritorno della fiera milanese. Qui potremo capire a che punto siamo con lo sviluppo dei prodotti e il pubblico potrà finalmente toccare con mano le novità del settore. Presenti come di consuetudine anche le eBike, in tutte le sue forme.

La sharing mobility elettrica, partita proprio dal mondo delle eBike, è in evoluzione e guarda a un concetto sempre più ampio che riguarda gli spostamenti ma anche i servizi. La riprova è l’attenzione che un’azienda come Telepass, di cui parliamo in maniera approfondita nel nostro brand profile, sta mettendo nel progetto Telepass Pay, app che offre ormai quasi 30 servizi legati principalmente proprio alla mobilità. Speriamo presto che il noleggio e lo sharing possano riguardare anche mezzi utili come le cargo bike, un segmento anch’esso in grande crescita: secondo un sondaggio annuale delle principali marche del mercato, condotto nell’ambito del secondo progetto annuale City Changer Cargo Bike, si evince che le vendite dovrebbero assestarsi su un +65,9% nel 2021.

Non a caso, abbiamo deciso di dedicare il focus shop di questo mese proprio a una delle prime realtà italiane fortemente specializzata in questo ambito: la CargoBike, fondata due anni fa per agevolare i ristoratori provati dal lockdown nelle consegne a domicilio. Per poi evolvere il progetto su eventi, flotte aziendali per il trasporto e le consegne, oltre a due negozi “Biga” a Pogliano Milanese e Genova con tanto di officina specializzata.

Da Milano e Genova fino a Bergamo e Modena. Qui abbiamo incontrato di persona due realtà consolidate nell’imprenditoria italiana che si stanno facendo largo tra i produttori di motori per eBike, partendo da due approcci diversi. Parliamo di Polini (che ha presentato l’ultimo aggiornamento del suo motore prestazionale) e Oli eBikes (che ha realizzato un nuovo headquarter nella provincia emiliana in uno stabile eco friendly che risorge dopo la devastazione del terremoto del 2012). Siamo entrati nell’azienda e parlato con i protagonisti di questa bella realtà made in Italy, che punta a diventare uno dei top player mondiali nel mondo dei motori. Sulla scia di altre case history di successo, come quella di Fantic, che inaugura anch’essa una nuova sede e inserisce nella sua gamma anche il segmento monopattini. A ulteriore conferma che il settore della mobilità elettrica è ormai visto in senso sempre più allargato.

Benedetto Sironi – Editoriale eBikefortrade n° 10/2021