In questo articolo si parla di:

Le esportazioni di biciclette elettriche da Taiwan al mondo sono cresciute parecchio nel 2021, in particolare evidenza il Regno Unito dove aumentano quasi del 66%, mentre negli USA del 69%, quindi grande successo delle bici taiwanesi nei confronti dei principali paesi anglofoni che rappresentano anche due tra le più grandi economie mondiali. I dati sulle esportazioni di biciclette elettriche provenienti dalla Taiwan Bicycle Association hanno rivelato che le spedizioni dall’isola dell’Asia orientale al Regno Unito sono cresciute del 65,89% su base annua se si confrontano i dati acquisiti da gennaio a settembre.

Ciò è avvenuto perchè Taiwan è stato in grado di capitalizzare nel migliore dei modi i vantaggi delle normative che hanno bloccato le esportazioni di biciclette elettriche della vicina Cina. Per questo sia Taiwan che l’Europa hanno avuto modo di recuperare questo gap riportando anche in certi casi la produzione internamente alla EU e alimentando il cosiddetto fenomeno di “reshoring”.

Nel più ampio contesto del commercio europeo, la crescita delle esportazioni è stata eccezionale, battuta solo dalla crescita dell’ Italia che ha fatto registrare un  +150% su base annua e dell’aumento del 78,8% della Germania. Finora nel 2021, il Regno Unito ha importato 11.350 unità da Taiwan, rispetto alle 6.842 del 2020. Il prezzo medio delle biciclette elettriche è salito del 10% a 1.063 dollari. Prendendo in considerazione tutto il continente, il valore delle esportazioni di biciclette elettriche in Europa da Taiwan è stato di $ 520.562.109, in crescita del 28%, mentre il conteggio nordamericano ha registrato $ 304.430.109 in valore, con un aumento del 64,1%, guidato principalmente da un aumento del 68,9% degli ordini negli Stati Uniti. Prendendo in considerazione il resto del mondo, le esportazioni in Australia sono aumentate del 22%, in Cina del 161%, in Giappone 34,2%, in Israele 54%, Russia 64% e Nuova Zelanda 2%.

Fonte: cyclingindustry.news