In questo articolo si parla di:

Si ricomincia. E a giudicare dall’inizio e dai primi segnali, quello che si prospetta per la bike industry sarà un altro anno molto intenso e ricco. Da ogni punto di vista, si spera. Di certo lo è in termini di novità. Anche per questo abbiamo rimodulato la nostra sezione news, per offrirvi una selezione ancora più ampia e completa di aggiornamenti dal mercato. Complementare come sempre a quella che vi proponiamo sui nostri canali web (sito, newsletter, social).

Il settore si conferma, dunque, in grande fermento. Le aziende fanno le loro mosse, studiano i piani per il futuro e cercano atleti, squadre, eventi ai quali legare il proprio nome per la stagione a venire. Molte continuano a investire per migliorare e consolidare la propria presenza sul mercato. Come nel caso di Bianchi, che presenta il progetto del nuovo stabilimento a Treviglio, che vedrà dal 2023 anche la produzione di telai in carbonio. Un numero crescente di aziende europee attua piani di reshoring decisamente inaspettati fino a pochi anni fa. Effetti collaterali (in questo caso positivi) del Covid e della crescita impetuosa del mercato.

Tra i fattori principali di questo trend vale la pena ricordare anche un maggior interesse verso la bici intesa non più solo come uno strumento per praticare attività sportiva, ma anche come utile mezzo di trasporto. Ne è la riprova la buona performance del settore city e urban che, finalmente anche in Italia, inizia a registrare numeri di rilievo. L’altro aspetto da considerare riguarda una ormai ineludibile attenzione alla sostenibilità. Verso la quale le aziende bike possono e devono essere capofila. Cosa che, a dirla tutta, fino a oggi non è accaduta così spesso. Ecco perché le iniziative in questo ambito troveranno sempre il dovuto spazio sui nostri canali. Nelle prossime pagine da segnalare in particolare quelle firmate Trek (che è impegnata a ridurre l’impatto ambientale attraverso molteplici azioni virtuose) ed Endura, la quale si impegna a compensare le proprie emissioni e a diventare carbon negative entro il 2024.

La crescita del settore è sancita anche dall’interessamento di grandi realtà che pensano sempre più al nostro mondo e vedono in esso un futuro florido. Esempio perfetto è quello di Repower, il cui impegno nel mondo della bici e del cicloturismo è in costante crescita. Oppure di Sportler, catena di articoli sportivi leader nel Nord Est italiano, che ha deciso di aprire degli store dedicati unicamente al mondo bike. Come spiega a Bikefortrade il responsabile del punto vendita di Peschiera.

Tutte tematiche generali e sempre valide. “Destagionalizzate, potremmo dire”. Ma, a proposito di stagione, è bene non dimenticarsi che siamo in inverno. Periodo nel quale, se si vuole andare in bici, occorre utilizzare la giusta attrezzatura. Un altro risvolto della situazione degli ultimi due anni, infatti, è il fatto che molta più gente ha iniziato a pedalare anche nei mesi più freddi. Come di consueto presentiamo un’accurata selezione di proposte per una stagione “senza fine” a pedali, aspettando la primavera 2022. Che si preannuncia già ricca di eventi, anche con format innovativi, come nel caso di All Around (gara a tappe di eMtb che si svolgerà in Valle d’Aosta dal 5 al 9 luglio). E ci auguriamo altrettanto prolifica anche per il turismo su due ruote.Tema che torna protagonista nella nostra rubrica Bike Hotel Guide con un focus sull’Alta Badia, una dei migliori spot per una vacanza su due ruote: che si parli di strada o mtb, la valle dolomitica offre servizi ad hoc e un territorio ideale. Al pari, fortuna nostra, di molte altre località italiane.

Benedetto Sironi – Editoriale Bikefortrade n° 01-2022