In questo articolo si parla di:

Riccardo Minali lascia il professionismo ed entra nella “nuova squadra” Alé. L’atleta si occuperà ufficialmente di promuovere il brand veronese sul territorio italiano e della gestione dei rapporti con le molte squadre, professionistiche e non, di cui l’azienda è partner.

Professionista nel 2017 con l’Astana dopo 14 vittorie da U23 Minali ha corso per Colpack, con la Israel Cycling Academy, una stagione con la Nippo-Delko e nel 2021 con la Intermarché-Wanty-Gobert.

Le dichiarazioni

“Mi ritengo fortunato perché ci entro dalla porta principale, andando a rappresentare uno dei marchi leader al mondo per quanto riguarda la produzione di abbigliamento per il ciclismo. Pensare che una delle vittorie da juniores più belle l’ho colta proprio davanti a questo stabilimento. E sul palco mi fecero indossare una maglia Alé! Per me questa opportunità significa davvero tantissimo. Alessia Piccolo, che di Alé è l’ad, mi ha dato questa carta da giocare. Ho voglia di imparare ed ho l’esperienza del corridore, so cosa vuol dire e soprattutto quanto sia fondamentale vestirsi bene in bicicletta. Quello che farò sarà dare il massimo, inserirmi in fretta, e ripagare questa fiducia, che oggi mi stimola moltissimo”, ha commentato Minali.

“Sono molto contenta dell’ingresso di Riccardo in azienda. I giovani come lui possono fare la differenza anche sul lavoro: appassionati, volenterosi, pieni di amore per lo sport e soprattutto, veri praticanti. Non si può vendere e non si può promuovere ciò che non si conosce bene e non si è prima provato. E Riccardo certamente è uno che di bici e di abbigliamento se ne intende. Da lui mi aspetto grandi cose”, ha affermato Alessia Piccolo, ad di A.P.G.