In questo articolo si parla di:
DINAclub e L’Eroica: parla il testimonial Paolo Bettini 4

Repower prosegue anche quest’anno il suo percorso nel mondo della mobilità sostenibile e del cicloturismo, avviato nell’estate 2021 con il lancio di DINAclub, il progetto che mira a elettrificare le ciclovie italiane. Durante la scorsa stagione il gruppo svizzero del settore energy si è legato a un brand/evento famoso in tutto il mondo, diventando official sponsor di L’Eroica. Come testimonial è stato scelto un personaggio che ha scritto pagine indimenticabili del ciclismo: Paolo Bettini, oro olimpico nel 2004 ad Atene e due volte campione del mondo su strada.

DINAclub e L’Eroica: parla il testimonial Paolo Bettini 1

L’atleta toscano è stato protagonista delle attività di comunicazione di Repower legate all’iniziativa DINAclub, il primo network di ricarica dedicato alle bici a pedalata assistita. DINA, lo strumento di ricarica pensato per le eBike, consente di ospitare e alimentare fino a quattro bici contemporaneamente. Tutti gli aderenti al progetto e i relativi punti di ricarica sono individuabili sulle mappe di komoot: è possibile strutturare l’itinerario prima di partire per le proprie escursioni, includendo la colonnina elettrica più compatibile con lo spostamento e il tipo di sosta desiderato.

DINAclub e L’Eroica: parla il testimonial Paolo Bettini

Elemento chiave di DINAclub è l’attività di gamification, pensata per valorizzare l’appartenenza al circuito e premiare la voglia di pedalare. A ogni host del circuito viene associato un QR Code, scansionando il quale l’utente ha la possibilità di raccogliere punti utili per riscattare gratuitamente mappe regionali all’interno della piattaforma komoot.

Paolo Bettini ci ha raccontato quali aspetti di questo progetto sono unici secondo lui, come sarà il futuro del cicloturismo in Italia, quali sono i limiti attuali delle ciclovie nel nostro Paese e perché le terre dell’Eroica sono così amate.

DINAclub e L’Eroica: parla il testimonial Paolo Bettini 3

Buongiorno Paolo. Quali punti in comune e valori ti legano a Repower e cosa ti ha spinto a essere testimonial del progetto DINAclub?

Principalmente l’attenzione che Repower dedica al mondo della bicicletta, soprattutto alla pedalata assistita, alle nuove esigenze di chi si è avvicinato alle due ruote grazie ad essa, e alle opportunità che l’elettrificazione delle ciclovie apre alla promozione e allo sviluppo di territori. Con DINAclub, Repower ha messo in pratica un’idea davvero innovativa, un efficace incontro fra passione, scoperta e tecnologia, ma che soprattutto riflette perfettamente il mio modo di vivere le due ruote dopo aver staccato il numero dalla schiena. Con DINAclub, Repower offre agli utenti, sia quelli esperti che i novizi, opportunità e motivazioni per vivere la bici in maniera ancora più profonda, generando al tempo stesso opportunità per le strutture che scelgono di credere nei servizi per il turismo ciclabile. Un circuito di valore del quale non vedo l’ora di fare parte.

Quali benefici secondo te potrà portare il progetto DINAclub a L’Eroica, la cicloturistica d’epoca più famosa al mondo?

Credo che questa partnership sia importante per entrambi. L’Eroica è l’evento per eccellenza per le bici storiche, ma i partecipanti sono persone che, più che in una tipologia di mezzo, si riconoscono in un modo di vivere la bicicletta e in un sistema di valori fatto di rispetto, sostenibilità, cultura e benessere. I valori di Eroica sono in realtà molto vicini al sentimento di chi si avvicina alla pedalata assistita per vivere esperienze nuove e immergersi nella bellezza: ecco perché questo incontro rappresenta un’opportunità davvero interessante sia per Eroica che per Repower.

L’iniziativa ha come scopo, tra gli altri, quello di promuovere le terre de L’Eroica come destinazione ciclabile 365 giorni l’anno. Perché secondo te questa zona è così amata?

Il Chianti ha avuto la fortuna di essere da sempre un luogo magico. Tra colline, buona cucina e grandi vini rossi, dal Chianti Classico al Brunello di Montalcino, e non solo. Negli anni sono stati bravissimi a promuovere il territorio facendone una meta importante. Gli sterrati li ha lanciati a livello mondiale il Rally di Sanremo, che su queste strade polverose svolgeva tutte le prove speciali del mondiale negli Anni ’80. Gianpaolo Brocci è stato bravissimo a valorizzare questi percorsi creando un vero e proprio consorzio di tutela e facendo capire al mondo quanto è bello pedalare in quel contesto.

Come pensi si svilupperà il cicloturismo nei prossimi anni? Si andrà sempre più verso ciclovie “elettrificate”?

Il cicloturismo è e sarà ancora in grande espansione. Aumenteranno le eBike in circolazione e necessariamente le ciclovie e i territori dovranno strutturarsi sempre di più con servizi dedicati. In questo senso, Repower è un passo avanti: non si è limitata a realizzare uno strumento di ricarica, come DINA, adatto alle esigenze dei cicloturisti, ma ha concepito un sistema di valore che consenta all’utente di scoprire percorsi e programmare nuovi itinerari grazie alla collaborazione con komoot. Le strutture DINAclub non solo scelgono di offrire servizi per i cicloturisti, ma hanno già in casa tutti gli strumenti per comunicarli al meglio: anche questo fa e farà la differenza nella scelta dei cicloamatori e dei cicloturisti.

Quali strategie consiglieresti alle amministrazioni e agli operatori del settore per migliorare la ciclabilità odierna?

Sento parlare troppo spesso di opere e progetti onerosi e quasi mai realizzabili. Dovrebbero farsi consigliare di più da chi pedala veramente e non seguire solo la firma di un ingegnere o un architetto, la cui conoscenza dei sistemi ciclabili è troppo spesso limitata a quanto appreso sui libri. Ci sarebbero centinaia di soluzioni per ottimizzare la mobilità ciclabile, alcune di esse anche con impatto low-cost: ecco, partirei con soluzioni semplici, intelligenti e magari anche poco costose.

Cosa significa oggi per Paolo Bettini muoversi in bicicletta dopo una carriera sempre all’attacco? E qual è la tua visione sulle eBike rispetto ai modelli tradizionali?

Oggi vivo un ciclismo che a me piace definire “ciclo-enogastronomico”. Appunto, utilizzo la bici per spostarmi, scoprire territori e le loro eccellenze paesaggistiche e enogastronomiche. Di fatto sono un cicloturista a tutti gli effetti. L’eBike è una grande opportunità per tutti. Anch’io che tuttora preferisco la pedalata muscolare, lo sfizio di qualche girata “assistita” ogni tanto me lo tolgo volentieri.