In questo articolo si parla di:

L’industria bike, per svariate ragioni, è vittima di un’importante crisi, dettata dai ritardi nelle consegne di materia prima, componentistica e trasporti.

Una realtà che non sembra aver subito il colpo è, però, Pinarello: il brand trevigiano, infatti, ha registrato importanti numeri grazie a una crescita del fatturato del 25% al 28 febbraio rispetto all’anno precedente.

Oltre a ciò, l’azienda veneta a inizio anno ha presentato la nuova collezione 2023 ai rivenditori e distributori di tutto il mondo, pronta a essere lanciata sul mercato a partire dall’autunno 2022. Anche in questo caso i numeri promettono bene, con gli ordini in aumento del 20% rispetto alla stagione commerciale precedente.

Una nuova piattaforma

Nel mese di febbraio è stata introdotta la nuova piattaforma targata Pinarello: MyWay, che offre la completa personalizzazione della DOGMA F.

In poche settimane sono stati registrati risultati importanti, come le 129.000 visite con un tempo di permanenza medio di quattro minuti, oltre 3.200 configurazioni salvate e più di 500 telai già prenotati.

Infine, entro il termine della primavera, è previsto il lancio di una nuova collezione di abbigliamento per il ciclismo di alta gamma.

Antonio Dus

Le dichiarazioni

In riferimento a ciò,  Antonio Dus, amministratore delegato del brand, ha dichiarato: “A Settembre dello scorso anno è stata avviata una trasformazione della produzione locale nel sito di Villorba in ottica lean che ha già portato a un incremento dell’efficienza pari al 44%. Prevediamo un investimento aggiuntivo di 2,5 milioni di euro finalizzato a un ulteriore aumento della capacità produttiva del 40% entro la fine del 2022 e l’inizio del 2023. Infine, come azienda, vogliamo ringraziare tutti i collaboratori che in questo periodo hanno gestito confusione e incertezza legate alla catena di fornitura e, in particolare, il reparto produttivo che da oltre sei mesi è in regime di lavoro straordinario”.