Già lo scorso anno vi avevamo parlato sulle pagine di Bikefortrade del caso del Portogallo. Il paese lusitano, si sta sempre più imponendo tra i player mondiali nel mondo della bici, ad essersene accorto anche il sito Cycling Industry News, che dedica un articolo proprio a questo argomento.

Secondo i colleghi inglesi, l’hotspot di produzione di biciclette in Portogallo vede il valore delle vendite in aumento del 49%. L’ente che rappresenta l’industria ciclistica portoghese è Abimota (che come Ancma fa capo a Conebi) e ha redatto un aggiornamento che descrive in dettaglio uno straordinario inizio per il 2022 della produzione e delle esportazioni registrando un aumento del valore delle vendite del 49% nei mesi di gennaio e febbraio.

Il Portugal Bike Value ha raggiunto un valore delle vendite all’esportazione di 110 milioni di euro nel periodo, continuando una tendenza che nel 2021 ha visto un record per l’hub di produzione; sono stati generati circa 594 milioni di euro di valore. L’anno scorso gennaio e febbraio valevano 73,78 milioni di euro per i produttori della regione.

Sono numeri francamente positivi e siamo molto ottimisti. Avevamo previsto che quest’anno avremmo potuto avere un rallentamento della crescita, perché nel 2021 siamo cresciuti di qualcosa come il 39%. Tuttavia, i dati dei primi due mesi di quest’anno sembrano rafforzare smentirci e, se questa tendenza continuerà, continueremo a crescere e, in percentuale rispetto all’anno precedente“, ha commentato Gil Nadais, Segretario Generale di Abimota.

I numeri raggiunti sono spiegabili anche con il fatto che in Portogallo, nell’ultimo decennio, lavoro e investimenti integrati sono stati fatti in tutto il settore. In questo modo, quando si sono verificate le crisi, eravamo già pronti a rispondere positivamente”, ha aggiunto Nadais.

I risultati riflettono progressi costanti in tutta Europa negli ultimi 12 mesi. Finora quest’anno sia il mercato spagnolo che quello austriaco hanno registrato cifre da record sulle vendite di biciclette. Accanto, c’è una tendenza costante ad avvicinare la produzione a casa tra molti marchi che cercano di esercitare un maggiore controllo sulle catene di approvvigionamento. Questa settimana Hero Cycles ha rivelato l’impianto di una nuova catena di montaggio con sede a Manchester, sulla quale invita i marchi di terze parti ad assemblare i loro prodotti.