In questo articolo si parla di:

Come abbiamo ricordato in uno degli scorsi numeri, sia gli atleti che gli amatori più o meno convinti pedalano con buona continuità ormai tutto l’anno, anche nei periodi più freddi. Ma è pur vero che le due stagioni regine della bicicletta sono – e rimarranno per forza di cose – la primavera e l’estate. È proprio il termine “stagione” che abbiamo scelto come fil rouge di questo editoriale. A partire dal titolo, nel quale i più attenti musicologi avranno senz’altro riconosciuto la citazione rivisitata di un noto pezzo di cantautorato italiano doc (Battiato, 1983).

Metaforicamente parlando, continua anche la bella stagione del mercato, sia in termini di numeri che di vivacità e interesse. Questo nonostante i notevoli problemi di produzione e ritardo nelle consegne che sono destinati a continuare ancora per un bel po’ (c’è chi prevede almeno fino al 2025). Ecco perché i dati di vendita ufficiali relativi al 2021 acquisiscono ancor più valore. Li analizziamo nelle prossime pagine e rivelano un mercato italiano in salute, capace di sfiorare anche lo scorso anno i numeri record del 2020, con oltre 1 milione e 900mila bici vendute, oltre a 3,2 milioni di pezzi prodotti.

Tornando al concetto più letterale di stagione, c’è quindi grande aspettativa da parte delle località turistiche anche quest’anno, con sempre più resort che puntano forte sulle due ruote nel loro carnet di proposte estive. Del resto, le varie declinazioni delle bici off road (muscolari o elettriche) continuano a generare un crescente interesse. Con nuovi format in arrivo, come il tanto atteso All Around eMTB Race Bosch ePowered 2022 in Valle d’Aosta (5-9 luglio).

Una tendenza confermata anche dal Bike Festival di Riva del Garda, quest’anno tornato in grande stile registrando un forte flusso di visitatori (ufficialmente circa 60mila), quasi 2.000 biker iscritti alle varie competizioni e molti brand presenti. In effetti, come abbiamo potuto verificare di persona vivendolo tutti i giorni, è stata calorosa e massiccia l’accoglienza per un festival che si avvia verso la 30° edizione. Puntando forte anche su un territorio che non smette mai di investire negli sport outdoor, come confermano le parole di Oskar Schwazer, direttore di Garda Dolomiti SpA.

Tanti i modelli da enduro presenti e Riva del Garda. Non è un caso che proprio su questo numero avessimo programmato uno speciale gravity (esplicito fin dalla foto di copertina). Al suo interno troverete anche un focus dedicato a una selezione di bike park. Realtà che negli anni si sono adattate e ingrandite, alla ricerca di un pubblico più ampio, con l’obiettivo di soddisfare un maggior ventaglio di esigenze, da quelle dei rider più estremi fino alle famiglie. Località e aziende di settore si stanno impegnando anche a promuovere iniziative originali, portando il settore bici a “ibridarsi” anche con altri mondi, potenzialmente complementari. È il caso di due iniziative “dolomitiche”, come Hike&Bike, promossa dal marchio italiano di calzature outdoor AKU, nella quale trekking e bici convivono in un inedito format. O come il particolare duathlon svoltosi a Madonna di Campiglio, dove le eBike motorizzate Bosch sono state associate allo scialpinismo. Un’ultima suggestione invernale prima di immergersi completamente – con l’outfit giusto e in sella alla propria bici – nella nuova bella stagione.

Benedetto Sironi – Editoriale Bikefortrade n° 06-2022