In questo articolo si parla di:

La crescita dilagante che la bike industry ha avuto negli ultimi due anni ha creato, come abbiamo detto spesso, diversi problemi all’intera filiera del pedale. Il boom del 2020, continuato nel 2021, ha generato una situazione in cui le forniture sono diventate “quasi incontrollabili”, con tempi di consegne biblici. Oggi la gestione attenta della logistica è diventata cruciale per i marchi.

I telai sono i prodotti con più difficoltà nelle consegne: se pre-pandemia l’attesa era di 3-4 mesi, oggi “si viaggia” tra gli 8 e i 15 mesi. Ma non solo. Un’altra tipologia merceologica che ha visto un enorme aumento dei tempi di consegna (anche fino a 12 mesi) sono i freni e le sue varie componenti.

Nei rapporti di mercato del 2021 di Germania e Paesi Bassi era già ovvio che il mercato non poteva soddisfare la domanda. In Olanda la disponibilità dei prodotti non era abbastanza da evitare un calo del volume totale delle vendite. Burkhard Stork, MD dell’organizzazione industriale tedesca ZIV, ha dichiarato: “La bike industry avrebbe potuto ottenere un risultato ancora migliore se solo la componentistica necessaria fosse stata disponibile in tempo”.

Interessante però il dato che arriva dalla Germania. Il mercato tedesco, infatti, ha fatto registrare una crescita delle vendite delle eBike del 3% a due milioni di unità lo scorso anno, mentre il volume delle di biciclette normali è diminuito del 10% a 2,7 milioni di unità.

 

Questa fluttuazione è il risultato diretto della scelta del settore di concentrarsi sulle eBike. Inoltre, i vincoli della catena di approvvigionamento stanno diventando ancora più complicati a causa del rapido aumento dei costi delle materie prime. Secondo CONEBI, il prezzo dell’alluminio è cresciuto del 100% da marzo 2020, quello dell’acciaio del +50%, della fibra di carbonio del +30%, della gomma del +70% e del litio del +400%.

Seguiremo nei prossimi mesi l’evolversi della situazione. In questo momento storico la bike industry deve ragionare come se fosse sull’ultimo strappo di una salita. Bisogna stringere i denti e arrivare a “scollinare”, perché dopo tanta fatica la discesa ripaga sempre.

Fonte: Bike Europe