In questo articolo si parla di:

La realtà siciliana Lombardo, che promuove ormai da diversi anni un innovativo modello di welfare a misura delle esigenze di ogni dipendente, ha deciso di istituire un “bonus bebè” da 500 euro per ogni dipendente che avrà un figlio nel 2024. Nel corso di uno speech su progetti futuri e sui forecast del mercato, l’ad Emilio Lombardo ha parlato di un recente studio sull’andamento demografico in Europa che mostra un calo di nascite “preoccupante”, sottolineando che in un mondo dove diminuiscono le nascite non c’è futuro, e ha annunciato che l’azienda siciliana premierà con un bonus tutti i collaboratori che avranno un bambino nel 2024.

L’ad ha condiviso questa notizia all’interno di un evento di fine anno, che ha tenuto a curare nei dettagli, preferendolo a una statica o convenzionale cena di fine anno.

“Questa iniziativa prende vita dall’ascolto attento per il nostro capitale umano. Ritengo sempre più forte la necessità di accompagnare e supportare quei collaboratori che desiderano avere dei figli, supportandoli in ogni fase di un percorso tanto entusiasmante quanto impegnativo. Gli aspetti previdenziali del nostro piano di sostenibilità sociale, dunque, puntano a fare rete intorno alle famiglie, dando loro un aiuto concreto e significativo”, ha spiegato Emilio Lombardo, amministratore delegato.

Da sinistra Giuseppe Bica, Emilio Lombardo, Andrea Devicenzi e Francesco Miceli

Pensiero profondo e ricco di significato che va sicuramente controcorrente, specialmente nel sud Italia, dove ancora oggi purtroppo esistono discriminazioni da parte di alcune aziende soprattutto nei confronti del sesso femminile dovute principalmente alla maternità e alla loro maggior dedizione delle stesse nella cura della famiglia. Le donne (che in Lombardo rappresentano circa il 40% della forza lavoro) infatti, si trovano ad affrontare una molteplicità di compiti che complicano particolarmente l’accesso o lo sviluppo delle opportunità lavorative, rispetto ai “colleghi” uomini. “Ecco questo non deve essere visto come un ostacolo per la nostra azienda”, ha aggiunto Emilio Lombardo.

Da sottolineare come oggi nell’headquarter di Lombardo a Buseto Palizzolo (TP) esistano già un asilo interno e una palestra.