In questo articolo si parla di:

Oggi è stata una giornata importante per la mtb italiana. Presso una location che abbiamo oramai imparato a conoscere, è avvenuta la presentazione di uno dei team endurance (xco e marathon) più blasonati in Italia e in tutto il panorama race mondiale.

Siamo a Brembate (Bg) presso il bike park che fa da “backyard” all’head quarter di Vittoria spa, che proprio dalla stagione 2024 ha deciso di supportare come title sponsor (e ovviamente fornitore di pneumatici) il team Wilier-Vittoria MTB Factory Team.

Inizia ufficialmente quindi il viaggio della nuova Wilier-Vittoria MTB Factory Team, che anche nel 2024 potrà contare su una squadra super agguerrita, composta da dieci atleti che si divideranno tra i palcoscenici più prestigiosi del mondo di XCO e XCM, senza dimenticarsi che il 2024 è anno olimpico, e per forza di cose i pensieri non possono non andare anche a Parigi.

Ad accompagnare la ventata di novità ci sono anche i nuovi colori della maglia leggera e aerodinamica disegnata da Gobik. Una tonalità che passa dal blu petrolio al verde acqua, con un pantaloncino con finitura opaca dal design minimalista e uniforme.

Al di là dei convenevoli, abbiamo ascoltato con molto piacere la dichiarazione di Stijn Vriends (sotto in foto), chairman & ceo di Vittoria, che suona come una lode all’imprenditoria italiana, sempre impegnata nella sfida con i colossi d’oltreoceano (e d’oltralpe): “Inizia un percorso importante. Per Vittoria è una novità affiancare una squadra da title sponsor, e abbiamo scelto di farlo per diversi motivi. Innanzitutto, per gli incredibili risultati ottenuti negli ultimi anni, e poi perché siamo un marchio italiano, che va ad unirsi ad un simbolo di italianità come Wilier, arrivato ai vertici internazionali sia su strada che nell’off-road. Lavorando insieme ad atleti di questo livello puntiamo a migliorare ancora il nostro prodotto, creando un contesto d’innovazione che ci possa portare sempre più in alto”.

“Siamo ormai al terzo anno da title sponsor ed è innegabile che vedere il nostro marchio così spesso al vertice delle corse più importanti di MTB a livello internazionale sia un’enorme soddisfazionehanno detto Andrea e Enrico Gastaldello, CEO di Wilier Triestina -. Con Vittoria abbiamo una stretta collaborazione su strada che va avanti da diverso tempo e ora puntiamo a rafforzarla anche nel settore off-road. Abbiamo ormai un’offerta completa per gravel e fuoristrada e, visto che siamo nell’anno olimpico, speriamo davvero di vedere più biciclette Wilier possibili a Parigi 2024”.

Confermata anche le bici in forze al team: Wilier Urta Max SLR sarà la full suspended, metre Usma SLR la hardtail. In dotazione, gli atleti di Wilier-Vittoria anche una Urta Hybrid E-Light Bike, per allenare la tecnica di guida off-road. I rider potranno contare sui copertoni e inserti Vittoria. Terreno XC Rac e Mezcal XC Race per i percorsi più scorrevoli, e Barzo XC Race per affrontare le condizioni più estreme.

Dopo qualche anno di assenza forzata, è una grande soddisfazione poter tornare a presentare la squadra in grande stileha detto il General Manager della squadra, Marco Trentin -. Nel 2024 daremo continuità alla nostra filosofia, con un team ormai storico per il marathon, e un gruppo di giovani per il cross country. Sono poche le squadre che si prodigano nel doppio impegno come noi, è uno sforzo importante, e per questo ci tengo a ringraziare tutte le persone che lavorano dietro le quinte per portare avanti questa progetto”.

Il team 2024, tra conferme e interessanti novità

Il gruppo XCO accoglie tra le elite la giovane danese Sofie Pedersen, che si presenta al mondo dei grandi con la maglia di campionessa europea U23, conquistata ad Anadia, e quattro successi nella Coppa del Mondo di categoria. Con lei ci sarà la bellunese Giada Specia, che l’anno scorso si è imposta nella tappa di Alpago agli Internazionali d’Italia Series. Gli uomini si affideranno a Simone Avondetto, ex campione del mondo ed europeo tra gli U23, che ha voglia di mettersi alle spalle un 2023 travagliato a causa della mononucleosi, e il britannico Cameron Orr, anche lui vincitore ad Alpago agli Internazionali d’Italia Series lo scorso luglio.

Rimangono altissime le ambizioni a livello U23, con il campione nazionale danese di categoria Gustav Pedersen che proverà a dare continuità al suo processo di crescita, e il nuovo arrivato Elian Paccagnella. L’altoatesino, classe 2005, è vice-campione del mondo tra gli junior e campione italiano, titoli che fanno di lui uno dei migliori prospetti internazionali per l’off-road. A proposito di nuovi arrivi, spicca anche il nome della svizzera Ginia Caluori, vice-campionessa del mondo tra le U23 e pluri-piazzata in Coppa del Mondo, che nel 2024 sarà all’ultimo anno di categoria e viene indicata dai più tra le grandi favorite per tutti gli eventi più importanti della stagione.

Di grande spessore sarà anche il terzetto  XCM. Inevitabile partire dalla punta di diamante, Fabian Rabensteiner, vincitore della Coppa del Mondo e della prova di Nove Mesto, oltre alla Andalucia Bike Race e una tappa della Cape Epic in Sud Africa. L’altoatesino proverà a confermare quanto di buono fatto nel 2023, e insieme a lui ci saranno l’esperienza dell’ex campione italiano Samuele Porro e quella del campione nazionale austriaco Daniel Geismayr.

Per vedere i ragazzi in azione non bisognerà attendere molto, visto che dall’8 all’11 febbraio una parte della squadra sarà impegnata in terra spagnola con la Mediterranean Epic Oropesa del Mar, mentre l’altra sarà alla Hero Abu Dhabi Hatta dal 9 all’11 febbraio.