ABC dello sportivo all’ITIS Max Planck di Villorba insieme all’oro olimpico Igor Cassina. L’iniziativa punta a sensibilizzare i giovani in età scolastica sul tema sport e sui valori sportivi.

Al giorno d’oggi, infatti, il 60% dei giovani tra gli 11 e i 14 anni non pratica lo sport. Cercare di formarli, fornendo loro strumenti e conoscenze, risulta di fondamentale importanza. Lunedì 8 aprile si è svolto l’incontro facente parte del progetto presso l’Istituto Max Planck di Villorba (TV) e organizzato dai Centri Giovanili don Mazzi.

Quattro ore in compagnia di atleti che hanno raccontato la loro storia sportiva e di vita, in un percorso di crescita e di inclusione sociale che ha letteralmente monopolizzato l’attenzione di oltre 300 alunne e alunni.

Dopo i saluti iniziali di Giovanni Mazzi, presidente dei Centri Giovanili Giovanni Mazzi, dei rappresentanti di Eismann Italia (partner del progetto) e di Mario Sanson delegato provinciale CONI Treviso, il moderatore Alberto Cristani, giornalista e direttore della rivista SportdiPiù Magazine Veneto, ha dato la parola gli sportivi, veri protagonisti – insieme ai ragazzi – della mattinata.

Si sono raccontati Marisol Salvadori, giovanissima atleta del Judo Treviso; Mattia Cordioli, giocatore della Nazionale Italiana Sitting Volley; Niki Leonetti, tecnico pallacanestro e ideatore dell’iniziativa “Si può fare”; Marco Mestriner, giocatore della Nazionale italiana volley trapiantati e Igor Cassina campione olimpico specialità sbarra ad Atene 2004.

Queste le dichiarazioni degli intervenuti:

Igor Cassina: “Oggi è stata una giornata molto intensa e profonda; ogni volta che ho la possibilità e l’opportunità, insieme ad altri amici e colleghi sportivi, di condividere l’esperienza al percorso di vita e sul come ottenere obiettivi importanti, mi porto a casa spunti utili per continuare a lavorare su me stesso. Essere un punto di riferimento per i giovani, poterli ispirare e cercar di far capire loro che nella vita – in modo sano, equilibrato, con intensità, con gioia, amore e passione – ci si può realizzare, è una grande felicità. Se poi dall’altra parte ci sono ragazzi interessati al messaggio, beh questa è la testimonianza che tutti insieme ce la possiamo fare!”.

Niki Leonetti: “Un’altra tappa di ABC dello sportivo di grandi emozioni, gioiosa, con grandi ospiti. Parlare di sport come veicolo di educazione e di valori è sempre un grande onore e un grande privilegio. Dobbiamo continuare su questa strada per ‘infiammare’ di valori più ragazzi possibile”.

Giovanni Mazzi: “Un’altra tappa del nostro tour nelle scuole d’Italia che ci ha trasmesso molte emozioni. Ringrazio davvero di cuore gli ospiti, gli studenti e gli insegnati del Max Plank che ci hanno accolto con grande calore e attenzione. Un grazie va anche al Coni Provinciale di Treviso che ci ha aiutato nella ricerca dei testimonial sportivi. Infine, un grazie ad Eismann Italia che, con il suo sostegno, ci permette di proporre ABC dello sportivo gratuitamente alle scuole che aderiscono alla nostra proposta. Da qui a fine anno scolastico abbiamo ancora una decina di incontri da organizzare: anche quest’anno faremo numeri importanti a testimonianza che il progetto piace e che le scuole sono assolutamente felici di aprirci le porte”.