In questo articolo si parla di:
ridebeat

Si è tenuta martedì 18 giugno, presso il No Stress Hub di Varedo, la conferenza stampa di presentazione di RideBeat, la gara ciclistica che si svolgerà l’8 settembre 2024 all’Autodromo Nazionale Monza, a una settimana dal Gran Premio di Formula 1. Pensata per il leggendario “Tempio della Velocità” lombardo, la gara prevede oltre 100 team, composti da tre atleti ciascuno, che si sfideranno in una staffetta notturna, riservata alle categorie amatoriali, sulla distanza di tre ore.

L’evento, organizzato da Agenzia YES!, agenzia di comunicazione integrata attiva in Italia da 18 anni, e Swatt Club, movimento culturale e shop di abbigliamento dedicato al ciclismo agonistico, promette di unire sport, spettacolo e solidarietà in un’esperienza indimenticabile.

Il format RideBeat

RideBeat, con il suo innovativo format, rappresenta una fusione unica tra il fascino delle competizioni ciclistiche e l’emozione di correre in un ambiente riservato all’alta velocità. La gara è dedicata a categorie maschili e miste in nome di sportività e inclusione. Esperienza unica nel suo genere, si terrà in notturna, aggiungendo un elemento di spettacolarità e sfida per tutti i partecipanti, che avranno l’opportunità di vivere in prima persona il circuito che ha visto sfrecciare i più grandi piloti di Formula 1.

RideBeat non vuole essere solo un evento sportivo, ma anche un’occasione per sensibilizzare e raccogliere fondi a favore della ricerca contro il cancro e di altri progetti di solidarietà. I proventi raccolti saranno infatti destinati all’associazione Cancro Primo Aiuto, che da anni si impegna nell’assistenza ai malati oncologici e nell’attivazione di progetti di volontariato nazionali e internazionali. Due di questi saranno supportati da RideBeat. Si tratta di “Un Dono per Risplendere”, con cui l’associazione si propone di regalare una parrucca alle donne sottoposte a chemio o radioterapia. “Un sogno a due ruote”, che prevede la donazione di 150 biciclette per bambini destinate ai piccoli studenti moldavi, impossibilitati a muoversi per scarsità di mezzi pubblici o risorse economiche per l’acquisto di mezzi propri.

L’Autodromo Nazionale Monza, con la sua storia e il suo prestigio, offrirà uno scenario mozzafiato alla competizione, aggiungendo ulteriore valore all’evento. Nell’area antistante i box sarà poi allestito il RideBeat Village, uno spazio aperto al pubblico ad accesso gratuito dove vivere a 360° l’atmosfera, l’adrenalina e la passione della competizione. Il RideBeat Village offrirà dj set, intrattenimento e corner food & beverage per un’esperienza immersiva e condivisa.

Un maxischermo trasmetterà la gara in tempo reale, permettendo al pubblico di seguire ogni momento della competizione, condividendo l’euforia e l’entusiasmo dei ciclisti in pista.

ridebeat

Le dichiarazioni

Carlo Beretta, presidente di Swatt Club, ha commentato: “Correre all’Autodromo è il sogno di ogni ciclista e appassionato delle due ruote. Sarà qualcosa di diverso, una settimana dopo il Gran Premio di Formula 1: è una possibilità che abbiamo voluto cogliere con convinzione, in cui metteremo tutte le energie necessarie, per una causa benefica. Correranno squadre miste, con una classifica assoluta e mista. L’evento sarà seguito da una diretta streaming, adottata per la prima volta in Italia per un evento ciclistico. L’intento è creare una proposta unica e promuovere l’aggregazione della comunità ciclistica, lavoreremo al dettaglio per rendere l’esperienza indimenticabile per tutti, ispirandoci alla Formula 1”.

Paolo Biffi, ad e founder di Agenzia YES!, ha aggiunto: “RideBeat è un format che punta ad essere completo. Ci sarà sicuramente la competizione, ma è pensato per essere un evento benefico e il clima deve rimanere di festa e condivisione. Siamo orgogliosi questa iniziativa perché non esiste in Italia una proposta tanto ampia, dal concept alla diretta streaming streaming, fino alla location e alla partenza al tramonto. Puntiamo a dare continuità e a esportare. Non possiamo che ringraziare l’Autodromo per averci dato la possibilità di cominciare dal tempio dell’alta velocità”.

Non perdete l’appuntamento con RideBeat: una gara che promette adrenalina, competizione, solidarietà e spettacolo.

A questo link è possibile iscriversi alla gara