In questo articolo si parla di:

I marchi simbolo della cycling industry italiana, le eccellenze nazionali, le firme dell’abbigliamento tecnico dall’approccio sostenibile, le calzature top, i leader internazionali del settore.

Ci sarà tutto questo a BECYCLE, l’innovativo evento di Pitti Immagine dedicato al mondo della bicicletta, in programma alla Stazione Leopolda di Firenze dal 26 al 28 giugno 2024.

Storia e innovazione, design e sostenibilità, tutti da scoprire passando fra gli stand nell’esclusiva location fiorentina, dai leader della industry italiana del calibro di Colnago, De Rosa, Campagnolo, Passoni, 3T, Pard, Q36.5, Nalini, Northwave, Sidi ai big internazionali come Cervélo e Assos.

Nella città che sabato 29 ospiterà il Grand Depart del Tour de France e che giovedì 27, tra Palazzo Vecchio e Piazzale Michelangelo, ospiterà la presentazione delle squadre, saranno in mostra a BECYCLE anche le bici Colnago, l’azienda che co-firma i successi di Tadej Pogacar. Allo stand dell’azienda di Cambiago saranno in mostra la speciale V4Rs rosa con cui lo sloveno ha celebrato il trionfo al Giro, ma anche la Fleur-de-Lys, la bici ufficiale del Tour de France 2024, e il modello C68.

2. Tadej Pogacar e la sua Colnago V4Rs al termine della Strade Bianche 2024 (Credits: Colnago)

Dal “Cannibale gentile” del ciclismo contemporaneo al “Cannibale” originale, Eddy Merckx, leggenda assoluta del ciclismo che nel 1974 si aggiudicò nella stessa stagione Giro, Tour e Mondiale. La sua bici? Una De Rosa, altra azienda milanese che ha lasciato il segno nella storia del pedale e che a BECYCLE porterà il suo mix fra tradizione e innovazione, con le più avanzate tecniche costruttive. Una storia che parla anche di stile, con la lunga collaborazione con Pininfarina: l’ultimo frutto di questo incontro si chiama 70, il modello aero ultraleggero in mostra a Firenze.

Spazio anche per Campagnolo, che può fregiarsi di rappresentare un “love brand” nel mondo del ciclismo, che ha attraversato fin dal 1933 con componenti iconici, frutto del connubio fra tecnologia e design. Nella nuova era di Campagnolo ci sono il gruppo Super Record Wireless, una dimensione sempre più user-centric nella tecnologia delle trasmissioni elettroniche, le nuove ruote Bora Ultra WTO e il powermeter HPPM.

5. Il nuovo gruppo Super Record Wireless, il top di gamma di casa Campagnolo (Credits: Campagnolo)

Si potranno ammirare poi le eccellenze come quelle dell’atelier Passoni. Dal 1989, la missione dell’azienda brianzola è produrre le bici più belle, senza tempo, leggere e ad alte prestazioni possibili, puntando su una tecnologia costruttiva e un materiale ben preciso: il titanio.

Dalla Lombardia arriva anche 3T, azienda bergamasca che produce telai in carbonio per bici gravel (come la pionieristica Exploro) e da corsa, con processi all’avanguardia e tecnologie brevettate in una factory di proprietà, con produzione integralmente e orgogliosamente Made in Italy. L’ultimo gioiello si chiama Strada Italia, una bici versatile progettata per offrire aerodinamica e comfort, con geometria specifica e passaggio ruota aumentato per combinare guidabilità e prestazioni.

Maestria artigianale e materiali all’avanguardia sono il connubio vincente per le biciclette di lusso di Pard, che “vestono” anche fiorentino grazie agli accessori unici e personalizzati creati dagli artisti fiorentini del pellame.

Nella tre giorni di BECYCLE, la Stazione Leopolda ospiterà anche due eccellenze italiane dell’abbigliamento sportivo, Q36.5 e Nalini. Sostenibilità, ricerca e tecnologia dei materiali formano la cifra stilistica di Q36.5, che produce artigianalmente entro un raggio di 350 chilometri dal suo quartier generale di Bolzano e che può vantare un ambassador come Vincenzo Nibali.

Oltre 40 anni d’esperienza nel settore ciclistico per Nalini che oggi firma i capi d’abbigliamento Made in Italy realizzati da Moa Sport a Castel d’Ario (Mantova) con tecnologie all’avanguardia, maestria artigianale e processo sostenibile, con una lunga storia di collaborazioni con grandi squadre e atleti del ciclismo su strada.

Anche le scarpe di Filippo Ganna parlano italiano, anzi veneto. Detentore del record dell’ora e uomo simbolo del ciclismo italiano, il piemontese pedala con Northwave, che a una grande storia a fianco dei fenomeni delle due ruote aggiunge un presente di successi a fianco di Ganna, Matej Mohoric e Arnaud de Lie, fra tanti altri. Protagonista a Firenze è Veloce Extreme, l’innovativa calzatura da strada sviluppata proprio assieme a Ganna, con la quale il piemontese punta a un nuovo oro olimpico a Parigi.

4. Veloce Extreme, la scarpa di Northwave sviluppata con e per Filippo Ganna (Credits: Northwave)

Sempre dal distretto della calzatura di Montebelluna arriva Sidi, fra i brand di riferimento nel mondo delle calzature per il ciclismo (e il motociclismo), che nel mondo delle due ruote ha introdotto innovazioni e colto grandi successi. Il nuovo modello top di gamma ai piedi delle stelle del World Tour si chiama Shot 2S.

La première di BECYCLE e il Grand Depart del Tour de France hanno attirato anche leader internazionali di settore come Cervélo e Assos. Fondata nel 1995 a Toronto, in Canada, Cervélo progetta innovative biciclette da strada e da triathlon, con ingegneria, ambizione e passione. Da anni a fianco dell’odierno Team Visma-Lease a Bike, Cervélo ha conquistato nel 2023 tutte le tre grandi corse a tappe, e punterà a difendere il titolo di Jonas Vingegaard anche nel Tour de France in partenza da Firenze: per il danese, come per Wout Van Aert, l’arma vincente è il modello Cervélo R5.

Assos è invece azienda leader nel settore dell’abbigliamento tecnico da ciclismo. Da sempre, Assos è sinonimo di qualità costruttiva, ricerca e sviluppo e innovazione: non a caso, il primo pantaloncino in Lycra al mondo è stato firmato proprio dall’azienda ticinese, che di collezione in collezione continua ad alzare l’asticella anche grazie alla collaborazione con team e atleti di livello mondiale.

Oltre alle prestigiose aziende italiane e internazionali, a BECYCLE si ritroveranno personalità e protagonisti del mondo delle due ruote, che si alterneranno sui due palchi della Stazione Leopolda in un ricchissimo programma di talk. A Firenze ci saranno anche destinazioni cicloturistiche nazionali ed estere, pronte a incontrare non solo i visitatori di BECYCLE, ma i media – di settore e non – e un nutrito gruppo di Tour Operator.

Per partecipare a BECYCLE, per tutte le news e le informazioni: BECYCLE.pittimmagine.com

In apertura: la dedizione e la qualità nel completamento di una bicicletta Pard (Credits: Pard)