In questo articolo si parla di:
maratona dles dolomites selle italia

Un’amicizia che dura da decenni, quella tra Selle Italia e la Maratona dles Dolomites-Enel: la storica azienda trevigiana sostiene la granfondo che si svolge nel cuore delle Dolomiti la prima domenica di luglio e attraversa alcuni dei passi più suggestivi delle Alpi.

La partnership storica

Una granfondo unica e ambita. Così potremmo sintetizzare la Maratona dles Dolomites-Enel, giunta quest’anno alla sua 37esima edizione, che ha visto migliaia di ciclisti sfidare sette tra i passi simbolo delle Dolomiti grazie ai collaudati tre percorsi di 55, 106 e 138 chilometri della manifestazione.

Selle Italia anche quest’anno è stato presente alla manifestazione andata in scena domenica 7 luglio con partenza e arrivo in Alta Badia.

Sosteniamo la Maratona da 35 anni e siamo orgogliosi di sostenere questa collaborazione anno dopo anno“, racconta Giuseppe Bigolin, Presidente di Selle Italia. “Una storia lunga fatta di passione e valori condivisi e un’occasione importante per far conoscere le nostre selle ai tanti amatori provenienti da tutto il mondo“.

maratona dles dolomites selle italia

Tecnologia made in Italy

Nel 2022 Selle Italia ha lanciato, per la prima volta nella sua storia, una sella con cover stampata in 3D, la SLR Boost 3D, e l’anno successivo anche il modello Novus Boost Evo è stato proposto in questa versione. Nel 2023, Selle Italia ha poi presentato la Watt 3D, la prima sella con cover stampata in 3D dedicata alla triplice disciplina. Per realizzare la cover in 3D, l’azienda trevigiana si è affidata alla tecnologia Carbon DLS che ha permesso la creazione di un pattern dedicato, cioè specificatamente creato per Selle Italia: una interpretazione “proprietaria” che prevede una struttura reticolare specifica, con zone a spessori diversi.

La tecnologia Carbon DLS permette inoltre di utilizzare meno acqua in fase di produzione e crea meno scarti rispetto agli altri metodi produttivi. Le selle 3D di Selle Italia sono interamente made in Italy.

Photo credits: PlaninschekFreddy